Vinicibando 2016

Vinicibando è un evento interamente dedicato alla valorizzazione del giacimento enogastronomico italiano attraverso un programma che in maniera innovativa farà del cibo il veicolo per la scoperta della cultura, della storia e delle bellezze paesaggistiche del Lazio e della nostra bella Italia. Tema di quest’anno: “La nuova dieta mediterranea e il cibo consapevole”.

Ad ospitare la manifestazione, ideata dalla giornalista Tiziana Briguglio e dall’Associazione Agroalimentare in Rosa,con la collaborazione scientifica della ricercatrice Rita Mulas, le sontuose sale del Villa Irlanda Grand Hotel dove grandi spazi saranno riservati ai diversi regimi alimentari con storici, alimentaristi e chef a spiegare le differenze tra la cucina convenzionale, vegana, macrobiotica e senza glutine.

Dunque una tre giorni di conoscenza e di sperimentazione con la cucina che per l’occasione diventerà linguaggio e si farà interprete dei mutamenti e delle abitudini alimentari di una società sempre più variegata e multietnica.

Una manifestazione “multitasting” con il Villa Irlanda Grand Hotel fulcro di attività che facendo riferimento sempre alla cultura del cibo e alla corretta alimentazione, si snoderanno fino ai più bei siti archeologici di Gaeta e alle aziende olivicole e vitivinicole  in cui sono ancora presenti cultivar e antichi vitigni autoctoni.

A caratterizzare l'edizione 2016 di Vinicibando saranno tre differenti giornate in cui le aziende si alterneranno per evidenziare al meglio il prezioso giacimento enogastronomico del Belpaese. Fondamentali le degustazioni guidate delle migliori etichette, le scuole del gusto dedicate ai bambini e laboratori di cucina in cui tutti i partecipanti saranno chiamati a collaborare con gli chef della Fedeazione Italiana Cuochi nella realizzazione di pietanze che gourmet.

In particolare ad essere allestito nella Sala del Ciborio del Villa Irlanda Grand Hotel, un elegante palcoscenico in cui il cibo, paragonabile nelle sue varie declinazioni a pura forma d’arte nata dall’ingegno dell’uomo e dal rispetto dell’ambiente,  potrà contribuire alla definizione del buono e del bello, coinvolgendo sia il consumatore comune che i palati più attenti e raffinati.

Il programma di massima e gli approfondimenti.


ABITARE IL CIBO, ABITARE IL VINO, ABITARE L'ACQUA


In questo brevissimo flash è racchiusa l’anima di Vinicibando, la sua proposta, la sua diversità.

Basta scorrere il programma per identificare una serie di soste: là un salotto qui un ristorante, più giù un banco di assaggio, di lato una scuola di cucina o di vino o di acqua, lo spazio dei bimbi. Tra  una degustazione, una conferenza e uno sfizio si passa la giornata, si conosce e s’impara.

A Villa Irlanda c’è il genius loci e si sente. Non per nulla le fondamenta sono della villa romana del padre di Augusto Imperatore e, sopra, la stratificazione del tempo si è posata sul concetto di cenobio spirituale e poi umano. L’atmosfera invita al restare insieme.

A Vinicibando non si passa, si sta. Ad incontrarsi nelle eleganti sale del Villa Irlanda Grand Hotel, per celebrare dal 18 al 20 novembre il meglio delle produzioni vitivinicole e gastronomiche, saranno produttori, operatori, ristoratori, enotecari, intenditori, curiosi e anche semplici appassionati in cerca di novità e di esperienze uniche.

Ad animare la kermesse gaetana dedicata sempre più in maniera attenta all’alimentazione consapevole, l’intera produzione agricola convenzionale, biologica, macrobiotica e biodinamica; le prospettive dei prodotti artigianali identificativi delle diverse regioni italiane; il commercio etico e solidale riferito alla salvaguardia delle piccole realtà produttive.

Vinicibando rappresenta, in sostanza, un’opportunità per focalizzare l’attenzione sul  connubio tra le antiche tradizioni e l’innovazione che è susseguita nel tempo e che non è altro che l’espressione dell’evoluzione di quelle pratiche colturali, conoscenze, abilità e saperi che rende il made in Italy unico nel mondo.

Da qui il convegno valido al fine dell’acquisizione dei crediti formativi per i giornalisti iscritti all’albo professionale, in programma per sabato 19 novembre: "Dieta Mediterranea, Tutela del Made in Italy e sviluppo del settore agroalimentare locale”,che vedrà tra i relatori le firme più prestigiose del giornalismo agricolo ed enogastronomico italiano affiancate, per l’occasione, da esperti del settore agronomico, economico e finanziario.

Quest’anno a rendere Vinicibando ancora più intrigante sarà ancora una volta il gemellaggio con “Cerealia. La Festa dei Cereali. Cerere e il Mediterraneo”, e il “Salone del Turismo rurale”, in programma a Roma nel febbraio 2017.

Vinicibando sarà però anche solidarietà. A chiudere l’edizione di quest’anno sarà infatti una grande asta dei vini il cui ricavato sarà devoluto a favore delle popolazioni colpite dal sisma che l’agosto scorso ha devastato parte del Lazio e delle Marche.