Tapenade

La ricetta della tapenade trova le sue orgini in terra francese, precisamente in Provenza, dove è chiamata “Caviar de Provence”. Venne poi ripresa dalla tradizione ligure grazie alla diffusione delle loro squisite olive nere. E’ ottima spalmata sui crostini di pane leggermente abbrustolito, con l’aggiunta di un trito di prezzemolo fresco, oppure se usata come condimento per un piatto di pasta. E’ una salsa fresca e gustosa, che non dovrà mai essere riscaldata. Una stuzzicante variante prevede l’utilizzo di pomodori secchi, circa 200 g per le dosi di questa ricetta, e la diminuzione delle olive a 100 g.
Preparazione
Passo 1
Sciacquate i filetti di acciuga se tenuti sotto sale, dissalate i capperi e versate tutti gli ingredienti nel bicchiere del mixer.

Versatevi a filo l'olio extravergine d'oliva e frullate fino a che non avete ottenuto una salsa omogenea e liscia. Aggiustate di sale.
Passo 2
Versate il composto ottenuto all'interno dei vasetti di vetro precedentemente sterilizzati e coprite con altro olio extravergine. Chiudete ermeticamente e conservate in un luogo fresco e asciutto, meglio se in frigorifero.

Dettagli

Tempo

15 minuti

Porzioni

300 persone

Difficoltà

FACILE

Cottura

Crudo

Ingredienti

Regola porzione.
-
300
+
8 Acciughe
2 spicchi Aglio
2 cucchiaini Capperi
350 g Olive nere
Olio extravergine di oliva
Sale