Sapidità della cucina tradizionale piemontese: il bue brasato al barolo

Bue Brasato al Barolo

Secondi piatti tradizionali: il piemontese bue brasato al barolo

Il bue brasato al barolo è un secondo piatto sugoso e fragrante che racchiude in sè tutta la maestria della cucina piemontese.

Arriva dal Piemonte la ricetta di un secondo piatto succulento: il bue brasato al barolo

Il bue brasato al barolo è un secondo piatto a base di carne dal gusto incredibilmente appetitoso che, realizzato con il re dei vini rossi piemontesi, il barolo appunto, regala alla gola una pietanza molto sapida con un sugo ristretto che accarezza le papille gustative in una sinfonia divina. Un elemento di forza quindi il barolo, che in questa come in altre composizioni culinarie tipiche fa davvero la differenza. Un allestimento di carne rossa servito a fette, il bue brasato al barolo, proprio grazie alla brasatura regalerà all'olfatto una preparazione fragrante e al palato fette di carne succulente e molto morbide, talmente morbide da sciogliersi in bocca. Una pietanza impegnativa che richiede molta attenzione, ma che al contempo ripaga il cuoco regalandogli moltissima soddisfazione. Ogni commensale, una volta assaporata la tenera carne di bue, non potrà non chiedere il bis.
Preparazione
Passo 1
"Iniziate marinando lo scamone. Disponete la carne sul piano di lavoro, incidetene la superficie con dei piccoli tagli e inserite all’interno di questi gli spicchi di un aglio tagliato in 4. Quindi trasferite la carne in una terrina e tenete da parte".
Passo 2
"Tagliate le cipolle e il sedano a pezzi, affettate le carote a dadini e unitele alla carne. Profumate tutto con la salvia, aggiungete l’alloro spezzettato, il rosmarino e l’aglio schiacciato".
Passo 3
"Aromatizzate il tutto con un pezzo di stecca di cannella, 3 chiodi di garofano, del ginepro e una macinata di pepe in grani. Quindi versate il barolo, fino a coprire la carne e le verdure. Sigillate la terrina con la pellicola trasparente e lasciate marinare in frigo per 24 ore".
Passo 4
"Una volta trascorso il tempo, disponete sul piano di lavoro un foglio di carta assorbente da cucina, trasferitevi lo scamone marinato e asciugatelo, tamponando bene. Tenete da parte la marinata".
Passo 5
"Avvolgete la carne con uno spago da cucina, compiendo tre giri per il lato lungo e altrettanti giri per il lato corto. Quindi irrorate lo scamone con un filo di olio, strofinatelo con il sale e il pepe e trasferitelo in padella".
Passo 6
"Fate sigillare bene la carne da tutti i lati, unite le verdure della marinata e fate rosolare. Una volta che le verdure saranno appassite, unite alla carne anche la marinata e fate cuocere per almeno 3 ore a fuoco lento, fino a che la carne non risulterà tenera".
Passo 7
"Una volta cotta, togliete la carne dal fuoco, trasferitela sul piano di lavoro ed eliminate lo spago da cucina".
Passo 8
"Trasferite invece il fondo in un pentolino, eliminando le foglie di alloro e la cannella, e frullatelo con un mixer a immersione. Se dovesse risultare ancora liquido, rimettete la salsa sul fuoco e fatela addensare con un po’ di fecola, sciolta con poca acqua fredda. Regolate di sale e portate a bollore".
Passo 9
"Tagliate la carne a fette dello spessore di circa 1 cm e disponetele su un piatto da portata. Irrorate con una quantità abbondante di salsa e portate in tavola".

Dettagli

Tempo

45 minuti

Porzioni

4 persone

Difficoltà

MEDIO

Cottura

In padella

Ingredienti

Regola porzione.
-
4
+
600 g Scamone di bovino
75 g Cipolle bianche
75 g Sedano
75 g Carote
q.b. Aglio
q.b. Ginepro
q.b. Chiodi di garofano
1 stecca Cannella
q.b. Salvia
q.b. Rosmarino
q.b. Alloro
q.b. Fecola
750 ml Vino rosso
q.b. Olio extravergine di oliva
q.b. Sale
q.b. Pepe