Pesto alla genovese

Pesto alla genovese

Il gusto delicatamente saporito del pesto alla genovese

Il pesto alla genovese è una ricetta per un sugo cremoso e gustoso ideale per condire i primi piatti estivi.

Pesto alla genovese: un connubio di profumi e aromi naturali

Il pesto alla genovese è un sugo a base di basilico, olio extravergine d'oliva, pinoli, parmigiano e pecorino sardo. È un ottimo condimento da utilizzare per i primi piatti in estate, soprattutto se freddi, in modo che i sapori si diffondano pienamente nel palato.

Le radici del pesto alla genovese affondano nella tradizione gastronomica della Liguria. Questo sugo racchiude in sè tutti i sapori e i profumi delle erbe aromatiche e del mare.

La sua origine risale al XIX secolo quando l'influenza arabo-persiana ha portato alla modifica di un antico condimento a base di aglio in quello che è diventato il pesto moderno. La preparazione del pesto alla genovese richiede tempo e dedizione.

È una vera e propria ricetta artistica: le erbe, l'olio, i pinoli e i formaggi devono essere aggiunti in dosi precise e nel momento esatto. Il pesto è un condimento ideale in ogni tipo di occasione. Seguite la nostra ricetta e ricreate questo insieme unico di gusti aromatici con cui condire i primi piatti!

Preparazione
Passo 1
"Per fare il vero pesto genovese occorrono tanta diligenza e pazienza. Per prima cosa lavate in acqua fredda il basilico, naturalmente genovese, e poi mettetelo ad asciugare su un canovaccio."
Passo 2
"Nel frattempo pestate nel mortaio i 2 spicchi di aglio con le 60 foglie di basilico: la ritualità sta anche nelle dosi. Dato che gli oli essenziali del basilico sono nelle venuzze delle foglie, per ottenere il miglior gusto non dovete pestare con forza ma ruotare leggermente il pestello in modo da stracciarle, non tranciarle."
Passo 3
"Quando il basilico stillerà un liquido verde brillante sarà il momento di aggiungere i pinoli. Questi, che ammorbidiranno e amalgameranno la salsa, e le regaleranno quel bouquet gentile che fa da contraltare all’aglio, sono un di più, il tocco d’artista."
Passo 4
"È giunto il momento di amalgamare il formaggio: parmigiano reggiano e pecorino sardo grattugiati a piacimento. E infine completate con l’olio versato a goccia. A questo punto il pesto è pronto e può essere utilizzato per condire le trofie, le trofiette, le trenette avvantaggiae, i mandilli de saea e può essere aggiunto per dare gusto al minestrone di verdure."

Dettagli

Tempo

20 minuti

Difficoltà

MEDIO

Cottura

A freddo

Ingredienti

Regola porzione.
-
1
+
60 foglie Basilico
2 spicchi Aglio
1 cucchiaio Pinoli
q.b. Sale grosso