Pizza bianca con Fave Cipolle e Pecorino

Pizza bianca con Fave Cipolle e Pecorino

Pizza bianca con fave cipolle e pecorino: una pizza originale composta dagli ingredienti saporiti e

Pizza bianca con fave cipolle e pecorino: una ricetta vegetariana dagli ingredienti originali e dai sapori decisi e particolari

Pizza bianca con farcitura di cipolle, fave e formaggio pecorino

Assieme alla pasta, la pizza è l'alimento che più rappresenta il nostro paese, l'Italia. Ha origini antiche, un gusto inimitabile ed è amata da tutti, per la sua bontà e versatilità. Sono infatti moltissimi gli impasti possibili, che vanno incontro a gusti ed esigenze diverse. Per non parlare poi delle farciture. Ce ne sono centinaia, se non di più, da quelle classiche a quelle più fantasiose, fino ad arrivare ad abbinamenti al limite dell'assurdo. Salate, dolci, miste...la pizza sembra davvero mettere d'accordo tutti i palati. In questa ricetta, la fantasia incontra la tradizione, con un impasto semplice, ma molto saporito. Stiamo parlando della pizza con cipolle, fave e pecorino, che rispolvera e svecchia una tradizione laziale tutt'ora in uso durante la festività del Primo Maggio, secondo la quale le fave, tipiche di questo mese, vengono consumate crude assieme al pecorino, creando un delicato equilibrio di sapori. Consumare questi due alimenti a maggio è di buon auspicio, poiché fin dall'antichità rappresentano la rinascita della primavera. Ecco dunque che fave e pecorino, andando a farcire questa pizza bianca, assumono una nuova forma e uniscono così l'originalità di questa ricetta alla tradizione festiva romana. Scoprite assieme a noi il particolare bilanciamento di sapori: il gusto salato e deciso del pecorino romano, i toni lievemente aspri delle fave e gli aromi intensi della cipolla. Non vi pentirete di aver optato per questo insolito abbinamento.

Preparazione
Passo 1
Trasferite i pesetti sulla spianatoia, ben distanziati l’uno dall’altro, ungeteli leggermente, coprite con un foglio di pellicola trasparente e lasciate lievitare fino al raddoppio del volume (30-40 minuti). Quindi, stendeteli, facendoli roteare sulla spianatoia infarinata, in modo da ottenere due dischi rotondi spessi circa 1/2 cm, stando attenti a mantenere il bordo alto circa 1 cm.
Passo 2
Trascorso il tempo, rovesciate l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata, schiacciatelo delicatamente con i polpastrelli, senza tirarlo troppo, e avvolgetelo su sé stesso a mo’ di rotolo. Tagliatelo a metà e formate due pesetti.
Passo 3
Trasferite i pesetti sulla spianatoia, ben distanziati l’uno dall’altro, ungeteli leggermente, coprite con un foglio di pellicola trasparente e lasciate lievitare fino al raddoppio del volume (30-40 minuti). Quindi, stendeteli, facendoli roteare sulla spianatoia infarinata, in modo da ottenere due dischi rotondi spessi circa 1/2 cm, stando attenti a mantenere il bordo alto circa 1 cm.
Passo 4
Lessate le fave in acqua leggermente salata, scolatele e tenete da parte. Tritate le cipolle e fatele appassire in una padella con un filo di olio. Unite le fave con un mestolino della loro acqua di cottura e fate cuocere finché risulteranno tenere. Al termine, profumate con una macinata di pepe e levate.
Passo 5
Portate il forno, in modalità statico, alla massima temperatura. Infornate la pietra refrattaria sul piano intermedio e fatela scaldare. Farcite le pizze con le fave e cipolle, e conditele con un filo di olio. Spolverizzate una pala o un tagliere di legno sottile con un po’ di semola e disponeteci sopra una pizza.
Passo 6
Servendovi della pala (o del tagliere), trasferite la pizza sulla pietra refrattaria e fatela cuocere per una decina di minuti (o comunque finché risulterà dorata). Levate e completate con un po’ di pecorino grattugiato e un filo di olio. Procedete allo stesso modo con la seconda pizza.

Dettagli

Tempo

20 minuti

Porzioni

2 persone

Difficoltà

MEDIO

Cottura

Multipla

Ingredienti

Regola porzione.
-
2
+
300 g Farina manitoba
200 g Semola
12 g Lievito di birra
9 g Sale
q.b. Olio extravergine di oliva
3 Cipolle bianche
q.b. Pecorino