Risotto con il Tastasal

Per tutti gli amanti del risotto lo chef Gregori Nalon propone la sua versione del risotto con il tastasal, piatto tipico della tradizione veronese. Il riso Vialone utilizzato per questa ricetta appartiene ad una tipologa, specifica della zona della Bassa Veronese, diventata per le sue caratteristiche, una delle varietà più apprezzate nella preparazione dei risotti. Il nome curioso della carne lavorata deriva dalla pratica che gli ha dato origine, ovvero la conciatura del macinato con sale grosso e pepe in grani "tastata", che in veneto vuol dire assaggiata, prima di insaccarla. Sbirciamo tutti i passaggi di Gregori Nalon per deliziarci con il risotto con il tastasal.
Preparazione
Passo 1
Tostare il riso senza grassi in pentola, quindi bagnarlo con il brodo caldo fino a coprirlo abbondantemente. Lasciarlo cuocere mescolando ogni tanto.
Passo 2
In una padella a parte rosolare con il burro lo spicchio d'aglio e la cipolla tagliata finemente. Unire la carne trita, rosolare e sfumare con il vino bianco.
Dopo circa 8/9 minuti di cottura del riso, unire la carne con tutto il sugo e completare la cottura.
Passo 3
Togliere dal fuoco il riso e lasciare un paio di minuti a raffreddare. Aggiungere il parmigiano, il burro, la noce moscata. Mantecare e se necessario unire altro brodo, impiattare e condire con il rosmarino trito.

Dettagli

Tempo

25 minuti

Porzioni

4 persone

Difficoltà

MEDIO

Cottura

Multipla

Ingredienti

Regola porzione.
-
4
+
300 g Riso Vialone
300 g Tastasal
70 g Burro
30 g Parmigiano
1 spicchio Aglio
Per il brodo di carne
q.b. Noce moscata
30 g Vino bianco
q.b. Rosmarino
Per il tastasal
q.b. Sale grosso
300 g Carne di suino
q.b. Pepe