Pasta all'Amatriciana

Non si può dire di conoscere la cucina laziale senza aver assaggiato un bel piatto di pasta all'amatriciana, la ricetta popolare più famosa in Italia e nel mondo. Originaria dell'omonima cittadina abruzzese, nasce come piatto dei pastori dell'Appennino costretti, nelle lunghe transumanze, a condire la pasta con gli ingredienti freschi di cui disponevano: il lardo, il pecorino e la ricotta secca. Gli altri componenti che ne hanno decretato la fama sono stati aggiunti nell'Ottocento, quando la crisi della pastorizia riversò "il popolo delle montagne" a Roma insieme alla ricetta dell'amatriciana, rivisitata ad hoc per i palati cittadini.

Consiglio dello chef per un'amatriciana perfetta

Dopo aver rosolato il guanciale, non togliete il grasso dalla padella, sarà un'ottima base per il pomodoro che ne assorbirà tutto il gusto. Non ci resta che metterci ai fornelli, stasera a cena si mangia pasta all'amatriciana.

Preparazione
Passo 1
Fate un battuto di cipolla e poco aglio e mettetelo ad appassire con l'olio. Aggiungete il guanciale e un goccio di brandy, rosolate velocemente fino a farlo evaporare.
Passo 2
Aggiungete il pomodoro, regolate di sale e cuocete per 10 minuti a fuoco lento. Scolate la pasta molto al dente e continuate la cottura in padella con la salsa, aggiungete un goccio di acqua della pasta e mantenete coperto.
Passo 3
Mantecate di tanto in tanto e portate a fine cottura la pasta in padella. Aggiungete il misto di parmigiano e pecorino continuando a mantecare. Servite con un pizzico di pepe macinato al momento.

Dettagli

Tempo

10 minuti

Porzioni

4 persone

Difficoltà

FACILE

Cottura

Multipla

Ingredienti

Regola porzione.
-
4
+
400 g Bucatini
1 Cipolle bianche
1 spicchio Aglio
1 Olio extravergine di oliva
200 g Guanciale
1 Brandy
400 g Salsa di pomodoro
1 bicchiere Parmigiano
q.b. Sale
q.b. Pepe