Ciceri e tria: la ricetta originale

I ciceri e tria, ovvero ceci e tria, sono uno dei piatti più tipici della cucina tradizionale salentina. La parola tria deriva dall’arabo itrya (pasta fritta o pasta secca). Gli arabi infatti usavano essiccare i cereali e poi friggerli in grasso animale per conservarli.
La ricetta dei ciceri e tria è dunque una sorta di minestra di legumi, con la particolarità di questa pasta fresca cotta una parte in acqua salata e una parte fritta. Quest'ultima (i veri e propri tria) dona croccantezza alla zuppa, simile a quella che si ottiene generalmente con i crostini di pane.

Preparazione
Passo 1
Impastate le due farine con un po’ d’acqua ottenendo un impasto sodo. Avvolgete con pellicola trasparente e lasciate riposare per almeno mezz’ora.
Passo 2
Preparate un soffritto con aglio, cipolla, prezzemolo e pomodori e lasciatelo rosolare nell'olio per qualche minuto.
Passo 3
Unite i ceci, coprite a filo d'acqua e portate a bollore. Salate e aggiungete il peperoncino secco lasciando addensare la minestra ancora per una decina di minuti.
Passo 4
Stendete la pasta non troppo sottile e ricavate delle striscette larghe come tagliatelle e lunghe circa un dito. Friggetene un terzo in olio bollente e asciugate molto bene con carta assorbente.
Passo 5
Cuocete le restanti tagliatelle in acqua salata, scolatele e versatele nella zuppa di ceci, unite la tria fritta e completate con un bel giro d’olio e il peperoncino fresco.

Dettagli

Difficoltà

MEDIO

Ingredienti

Regola porzione.
-
1
+
200 g Farina di grano
200 g Farina di semola
500 g Ceci
2 Pomodoro San Marzano
1 Cipolle bianche
2 spicchi Aglio
1 Prezzemolo
q.b. Peperoncino
q.b. Olio di arachidi
q.b. Sale