Gattò di Patate Finocchi e Radicchio

Gattò di Patate Finocchi e Radicchio

Il gattò di patate finocchi e radicchio tra colore e sapore

Cremosità e croccantezza nel Gattò di Patate Finocchi e Radicchio

Gattò di patate finocchi e radicchio per sorprendere con la tradizione

Il gattò di patate finocchi e radicchio, altrove chiamato anche gateau o gatò, è un piatto unico che non vi lascerà indifferenti. In poche mosse sfornerete un capolavoro di gusto e colore. Il pasticcio che porterete a tavola in questa occasione è una portata ricca e completa: non vi serviranno altri piatti poichè sarà il re del vostro pranzo! Piccole varianti hanno impreziosito la ricetta tradizionale del gattò di patate, di antiche origini campane ma rivisitato in modi diversi in ogni regione italiana. Gli strati di patate si alternano a quelli di radicchio e finocchio, inondati dal profumo delle spezie e arricchiti dalla bontà filante del parmigiano grattugiato. Sarà proprio lui a dorare il gattò con l'irresistibile crosticina esterna. La pancetta renderà più appetitoso e gustoso il nostro gattò di patate finocchi e radicchio; le mandorle tostate regaleranno al nostro palato una piacevole e insolita croccantezza in contrasto con la cremosità degli strati interni. Se siete vegetariani e volete cimentarvi in questa ricetta, vi basterà non aggiungere il tocco finale di pancetta.
Preparazione
Passo 1
Lessate le patate per 30 minuti a partire dal bollore. Scolatele, sbucciatele e passatele allo schiacciapatate, raccogliendo il passato in una ciotola. Unite 120 g di burro morbido e le uova, e amalgamate con un cucchiaio di legno. Regolate di sale, pepate, aggiungete 70 g di pancetta, tagliata a listerelle, e mescolate (se l’impasto dovesse risultare eccessivamente sodo, ammorbiditelo con un po’ di latte).
Passo 2
Lavate i finocchi, mondateli e affettateli. Man mano che li tagliate, mettete le fette a bagno in acqua fredda. Tagliate a fette sottili lo scalogno e fatelo appassire in una casseruola con il burro rimasto e un po’ di timo. Aggiungete i finocchi, ben scolati, salate, bagnate con un mestolo di acqua, incoperchiate e proseguite la cottura per una decina di minuti.
Passo 3
Scaldate un filo di olio in una padella con l’aglio, schiacciato. Aggiungete il radicchio, tagliato a listerelle sottili, profumate con un po’ di prezzemolo tritato e fate cuocere a fuoco vivace per una decina di minuti. Salate, levate e tenete da parte.
Passo 4
Imburrate lo stampo e spolverizzatelo con il pangrattato. Distribuite a strati, alternandoli, composto di patate, finocchi, parmigiano e radicchio. Ripetete la sequenza degli strati, fino a esaurire gli ingredienti, terminando con le patate. Infornate a 190°C e fate cuocere per 20-25 minuti. A 5 minuti dal termine, spolverizzate con altro parmigiano.
Passo 5
Nel frattempo scaldate una padella antiaderente, disponete le fette di pancetta rimaste e fatele cuocere finché risulteranno ben dorate e croccanti. Trascorso il tempo, sfornate il gattò, lasciatelo intiepidire, quindi sformatelo. Decorate la superficie con la pancetta croccante, tagliata a pezzetti, completate con qualche foglia di salvia e le mandorle tostate, portate in tavola e servite.

Dettagli

Tempo

60 minuti

Porzioni

8 persone

Difficoltà

FACILE

Cottura

Multipla

Ingredienti

Regola porzione.
-
8
+
2 kg Patate
1 kg Finocchi
500 g Radicchio
100 g Pancetta
3 Uova
1 Scalogni
3 Timo
2 Salvia
2 Prezzemolo
1 Aglio
40 g Mandorle
150 g Burro
q.b. Parmigiano
q.b. Pangrattato
q.b. Latte
q.b. Olio extravergine di oliva
q.b. Sale