Lokum

Esiste un dolcetto per ogni occasione e non c'è niente di più adatto, a tirare su il morale, di una bella manciata di zuccherosi lokum, le caramelle turche dalla confortante consistenza gelatinosa. Dalle origini molto antiche, queste morbide pepite derivano il proprio nome dalla parola araba che significa "sollievo della gola", spiegando esattamente la sensazione provata al primo assaggio. Esportati anche nei paesi balcanici, mantengono costante l'aroma all'acqua di rose ma il ripieno di frutta secca varia a seconda delle zone. Ogni famiglia ha la sua ricetta che tramanda di generazione in generazione. Prepariamo insieme a chef Palmieri i lokum ai pistacchi, perfetti per allietare il pomeriggio con un bel concentrato di dolcezza.
Preparazione
Passo 1
Fate uno sciroppo di zucchero e acqua, portando la temperatura del liquido a 115 °C, quindi lasciate raffreddare. Unite a parte l’amido e l’acqua tiepida, aggiungete il cremor tartaro e fate addensare.
Passo 2
A step unite lo sciroppo di zucchero e portate a bollore lasciando cuocere per circa 40 minuti. Aggiungete l’acqua di rose e i pistacchi.
Passo 3
Versate il composto in uno stampo oleato o di silicone di circa 2cm di altezza.
Lasciate raffreddare una notte. Sformate e tagliare cubi della grandezza desiderata, quindi passate nello zucchero a velo.

Dettagli

Tempo

15 minuti

Porzioni

4 persone

Difficoltà

FACILE

Cottura

Bollito o lessato

Ingredienti

Regola porzione.
-
4
+
Per lo sciroppo
410 g Zucchero
165 g Acqua
Per la massa
70 g Amido di mais
10 g Cremor tartaro
335 g Acqua
q.b. Zucchero a velo
200 q.b. Pistacchi