Involtini Primavera di Tonno

Involtini Primavera di Tonno

Antipasto stellato internazionale dal gusto tipicamente esotico

Gli Involtini Primavera di Tonno sono una ricetta sfiziosa da gustare come antipasto o ricco secondo piatto. Lo chef stellato Daniele Usai ci propone la sua interpretazione dei famosi involtini primavera

Prelibati e saporiti Involtini Primavera di Tonno, un piatto dal profumo esotico

Gli amanti della cucina orientale, specialmente se cinese, non potranno resistere alla tentazione di assaggiare i deliziosi involtini primavera di tonno, realizzati con ingredienti freschi e ricercati. La pasta fillo esterna grazie alla frittura diventa dorata e croccante, perfetta per racchiudere il tenero cuore di tonno crudo e cipollotti.

Gli involtini primavera di tonno sono un'autentica squisitezza da gustare in qualunque occasione, specialmente se avete invitato a cena degli ospiti speciali e desiderate sorprenderli con una ricetta originale e stuzzicante. La pasta fillo, il rabarbaro e la salsa di soia si sposano splendidamente con i cipollotti ed il tonno fresco. La ricetta è una variante dei classici involtini primavera, perché invece di essere preparati con il tipico ripieno sono stati farciti con del tonno fresco.

Per semplificare e velocizzare il tutto, invece di preparare la pasta fillo in casa, possiamo acquistarla direttamente in fogli e procedere con la lavorazione del ripieno. Prima di iniziare a friggere, lo chef stellato Daniele Usai suggerisce di congelare gli involtini. Gli involtini primavera di tonno sono perfetti se accompagnati con la salsa agrodolce di rabarbaro e panna acida. Se avete bisogno di un'idea per un antipasto "stellato", la ricetta giusta la fornisce il nostro Daniele Usai.

Il consiglio dello chef...

Friggere gli involtini da congelati permette di avere uno strato croccante e cotto all’esterno e una parte interna cruda, fredda e succosa. Dopo averli fritti, se il cuore è troppo freddo, potete passare gli involtini in forno per appena due minuti.

Preparazione
Passo 1
Tritate al coltello il filetto di tonno, raccogliete la tartare in una ciotola, condite con 1 cucchiaio di salsa di soia, mescolate e lasciate riposare per qualche minuto.
Nel frattempo mondate i cipollotti, tagliateli a pezzetti e scottateli per un paio di minuti in acqua bollente. Poi scolateli e teneteli da parte.
Passo 2
Stendete la pasta fillo e ricavate tanti quadrati; distribuite al centro la tartare di tonno, adagiate sopra i cipollotti e arrotolate a involtino.
Proseguite allo stesso modo per realizzare tanti involtini.
Mettete in freezer e fate congelare.
Passo 3
Mondate le coste di rabarbaro, lavatele, asciugatele e tagliatele a cubetti di circa 1/2 cm di lato. Raccogliete la dadolata in una casseruola con un filo di olio extravergine di oliva e 1 cucchiaio di zucchero, e fate cuocere a fuoco dolce per 5 minuti, mescolando ogni tanto.
Passo 4
Bagnate con un paio di cucchiai di aceto e fate sfumare.
Regolate di sale, profumate con una macinata di pepe, levate e tenete da parte.
Condite la panna acida con un pizzico di sale e di pepe.
Passo 5
Scaldate abbondante olio di semi alla temperatura di circa 170 °C, immergete gli involtini congelati e friggeteli.
Man mano che sono pronti, scolateli su un foglio di carta assorbente da cucina.
Al termine, portate in tavola e servite, con la composta al rabarbaro e la panna acida a parte.

Dettagli

Tempo

45 minuti

Porzioni

4 persone

Difficoltà

FACILE

Cottura

Multipla

Ingredienti

Regola porzione.
-
4
+
500 g Tonno
2 Cipollotti
80 g Panna
20 g Salsa di soia
2 fogli Pasta fillo
4 coste Rabarbaro
20 g Zucchero
2 cucchiai Aceto
q.b. Olio di arachidi
q.b. Olio extravergine di oliva
q.b. Sale
q.b. Pepe