Sole e gravidanza: come proteggere il pancione

Prendere il sole in gravidanza non crea problemi alla futura mamma e al bambino, anzi, l’esposizione solare ha i suoi vantaggi: fa nascere bambini con ossa più sane, grazie all’apporto della vitamina D e protegge il nascituro dal rischio di sclerosi multipla, in età adulta!

Tuttavia, è bene seguire qualche semplice regola, per proteggere il pancione. Quali?

ginecologi raccomandano la linea della prudenza, soprattutto durante i primi mesi della gestazione, quelli in cui il nascituro è più delicato.  In questi mesi, infatti, è meglio non esporre alla luce diretta del sole la pancia, così, dopo aver spalmato la crema solare adatta al proprio fototipo, meglio velarla con un bel pareo. Questo perché il calore del sole potrebbe traumatizzare il nascituro creando una congestione. Inoltre, per tutta la durata della gravidanza la futura mamma dovrebbe avere l’accortezza di scegliere le ore meno calde per esporsi al sole, soprattutto il primo mattino è proprio considerato il momento ideale.
 
Dopo i primi 3-4 mesi, via libera al bikini, ovviamente avendo sempre cura massima nella protezione della pelle, che, a causa della tensione a cui è sottoposta per l’aumento di volume, è estremamente delicata. Ottimi anche i bagni di mare, non troppo prolungati e, magari, intervallati da passeggiate tonificanti nell’acqua a mezza gamba.

E’ sempre importante esser ben idratate. Se ci si trova in un luogo molto caldo sforzarsi di bere molto e soprattutto acqua. Questo aiuterà anche a mantenere la pelle fresca e a  ridurre il gonfiore e la ritenzione idrica.

Un ultimo consiglio, soprattutto se la neo-mamma è una patita della moda e che, quindi,  questa estate punta al costume intero: meglio restare il meno possibile con il tessuto bagnato addosso, perciò, appena possibile cambiarlo subito con uno asciutto!

Seguendo questi semplici accorgimenti potrete godervi il sole in modo sicuro anche durante la gravidanza!

Buone vacanze!

Leggi anche:

L'alfabeto del Sole

Abbronzatura: istruzioni per l'uso

Macchie solari: come curarle?