Menu pranzo di Natale 2013

Anche quest'anno è arrivato il momento di pensare al menu per il pranzo di Natale. L'obiettivo è sempre quello di accontentare tutti i commensali, cercando di non ripetersi e magari di stupirli anche un po'. Quali ricette scegliere allora perché il nostro menu natalizio sia inappuntabile? Per il pranzo di Natale 2013 noi di Alice abbiamo pensato a una serie di ricette della tradizione, rivisitate quel tanto che basta per renderle sofisticate e attuali.

Che ne dite allora di dare un'occhiata alle nostre proposte per il pranzo di Natale 2013? Portata dopo portata, vi aiuteremo a comporre un menu di Natale davvero straordinario.

Pranzo di Natale 2013: antipasto




 

Antipasto per il pranzo di Natale 2013: tartellette ai funghi e cardamomo


L'antipasto, lungi dall'essere una portata di second'ordine, ha il compito di aprire le danze e di introdurre gli ospiti a quello che sarà il tema del menu. Per questo, per dare inizio al nostro pranzo di Natale abbiamo pensato a queste tartellette di brisée ai funghi e cardamomo. Il perché è presto detto: le tartellette di pasta brisée predispongono immediatamente ad un clima conviviale e famigliare che ben si addice ad un menu di Natale, il cardamomo però aggiunge un tocco insolito e raffinato che rende il nostro antipasto semplice ma speciale.

Preparazione delle tartellette ai funghi


Pulite e tagliate gli champignon e mettete in ammollo i porcini. Stendete la pasta brisée con cui fodererete gli stampini per le tartellette. Fate soffriggere in padella i porcini secchi tritati finemente, unite poca acqua di ammollo e aggiungete gli champignon. Nel frattempo sbattate le uova con il cardamomo, il prezzemolo, il parmigiano e un goccio di latte. Quando i funghi saranno cotti, lasciateli raffreddare e uniteli al composto. Riempite le tartellette e infornate per 30 minuti a 180° C, quindi decorate con prezzemolo e champignon.

Consulta la ricetta completa delle tartellette ai funghi e cardamomo

Pranzo di Natale 2013: primo piatto




 

Primo piatto per il pranzo di Natale 2013: tortellini in brodo di cappone


Come entrée del nostro menu di Natale abbiamo deciso di affidarci alla tradizione con questi tortellini in brodo di cappone. Insieme alle varie paste al forno, i tortellini in brodo sono uno dei grandi classici del pranzo di Natale. Per il menu del 2013 abbiamo scelto il brodo di cappone, cappone che poi proporremo anche come portata principale del nostro pranzo.

Preparazione dei tortellini in brodo


Preparate la pasta e lasciatela riposare per mezz'ora. Disossate il cappone e utilizzate gli scarti per il brodo. Coprite le ossa con acqua fredda, unite le verdure e portate a bollore, proseguite per 3 ore circa, quindi sgrassatelo. Cuocete il petto di tacchino e la lonza di maiale tagliati in pezzi in una noce di burro. Una volta cotta la carne, passate al tritacarne con il prosciutto e la mortadella. Raccogliete in una ciotola, unite uova, parmigiano, sale, pepe e noce moscata. Impastate per bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Lavorate la pasta, tiratela e tagliatela con un coppapasta. Mettete al centro il ripieno, chiudete i lembi e formate i tortellini. Portate a bollore il brodo e fate cuore i tortellini per 3-4 minuti, quindi serviteli con del parmigiano grattugiato.

Consulta la ricetta completa dei tortellini in brodo di cappone

Pranzo di Natale 2013: secondo piatto




 

 

Secondo piatto per il pranzo di Natale 2013: cappone ripieno e flan di cavolfiore


Il cappone ripieno è senza dubbio uno dei grandi classici del menu di Natale, tipico soprattutto della cucina del Nord Italia, ma amatissimo e diffuso in ogni regione. Perché non farne allora la portata principale del nostro pranzo di Natale 2013? Quella che vi proponiamo qui è la ricetta del cappone ripieno con salsiccia, castagne e fichi, accompagnato da un delicato flan di cavolfiore. Un piatto davvero molto gustoso che vi farà fare certamente bella figura con i vostri ospiti.

Preparazione del cappone ripieno


Tagliate gli scalogni a fettine sottili e fateli stufare con una noce di burro. Regolate di sale e sfumate con il marsala, quindi raccoglieteli in una terrina con la salsiccia, la mollica del panino, l’uovo intero, il parmigiano grattugiato e gli scalogni cotti nel marsala. Regolate di sale e di pepe, unite la frutta tagliata a pezzetti. Aprite a libro il cappone, salatelo e pepatelo e riempitelo con l’impasto. Chiudete i lembi e cuciteli con ago e filo da cucina in modo da ottenere un grosso salame. Legate il cappone con dello spago da cucina, rosolatelo in casseruola con una noce di burro e un filo d’olio; unite le erbe aromatiche, sfumate con il vino bianco e infornate per un’ora. Per il flan, mondate il cavolfiore e fatelo cuocere in acqua bollente salata, quindi schiacciatelo con una forchetta, unite ricotta, grana, uova, un pizzico di noce moscata e regolate di sale e di pepe. Versate il composto negli stampini monoporzione e infornate per 12 minuti. Servite accanto al cappone tagliato a fette.

Consulta la ricetta completa del cappone ripieno e flan di cavolfiore

Pranzo di Natale 2013: contorno



Contorno per il pranzo di Natale 2013: insalata di cavolo bianco e rosso


E come contorno del nostro menu di Natale? Per restare in tema con i sapori già proposti con la seconda portata, vi proponiamo questa deliziosa insalata di cavolo bianco e rosso, condita con yogurt, aceto balsamico, uvetta e pinoli. Un piatto che risulterà senz'altro molto gradito e che sarà un tocco fresco e colorato a questo pranzo di Natale 2013.

Preparazione dell'insalata di cavolo con yogurt e uvetta


Lavate, affettate finemente i due cavoli e mescolateli in un’insalatiera. Sciacquate l’uvetta e asciugatela. In una ciotola sbattete con una frusta lo yogurt, la maionese, l’aceto balsamico, il sale e il pepe, poi unite l’uvetta e i pinoli. Condire con questa emulsione il cavolo e servite.

Consulta la ricetta completa dell'insalata di cavolo bianco e rosso

Continua a leggere...

Pranzo di Natale 2013: dessert



Dolce per il pranzo di Natale 2013: chantilly al caffè con marrons glacés


Per concludere in bellezza questo menu di Natale, vi proponiamo un dolce al cucchiaio davvero strepitoso: è una crema chantilly al caffè con marrons glacés. Una consistenza meravigliosamente morbida e cremosa per questa crema aromatizzata al caffè e servita con biscotti savoiardi magnati nel marsala, marron glacés e cacao dolce, il dessert perfetto per il pranzo di Natale 2013.

Preparazione della crema chantilly al caffè


Scaldate il latte con il caffè liofilizzato e la vanillina; montate i tuorli con lo zucchero, unite la farina, versate il tutto nel latte bollente e mescolate bene con la frusta. Una volta fatta la crema, trasferitela in un contenitore, coprite con la pellicola e lasciate raffreddare in frigorifero. Nel frattempo montate la panna, unite la crema fredda mescolandola delicatamente per evitare che smonti e lasciate riposare in frigorifero. Prendete delle belle coppe da dessert e ricoprite il fondo di crema; mettete due savoiardi bagnati in poco marsala secco per ogni coppa e due marrons glacés sbriciolati, coprite con la crema e terminate con un marron glacé intero e una leggerissima spolverizzata di cacao.

Consulta la ricetta completa della chantilly al caffè con marrons glacés

Pranzo di Natale 2013: come apparecchiare la tavola




 

 

La tavola natalizia per il 2013


Quella che vi proponiamo per il pranzo di Natale 2013 è una tavola che rispecchi il tono del nostro menu scelto, un menu che abbiamo voluto mantenere piuttosto tradizionale seppur con qualche nota insolita e particolare. Ecco allora che l'apparecchiatura sarà semplice da ricreare, ma all'insegna della cura per i dettagli. Optiamo per una tovaglia bianca molto classica, magari con una sofisticata bordatura in shantung di seta dalle tonalità chiare. In alternativa potete optare per una base di tessuto sulle nuanche dell'avorio da stendere al centro della vostra tovaglia candida. L'effetto sarà semplice ma molto bello.

Tavola di Natale 2013: il centrotavola


Ad impreziosire la nostra tavola natalizia è come sempre il centrotavola, assai originale questa volta: si tratta di un portacandele a sospensione, decorato con rami d'abete e illuminato da piccole candele nei toni del verde. I rami di abete, che disporremo anche sui sottopiatti, saranno l'elemento decorativo predominante della nostra tavola di Natale.

Tavola di Natale 2013: i segnaposto


Per finite i segnaposto, che saranno dei semplici e teneri cartoncini a forma di cuore, un vero atto d'amore nei confronti dei vostri convitati. Potrete incastrare la base dei cuori dentro piccole pigne o dentro dolcetti al cioccolato, belli da vedere e buonissimi da mangiare.

A questo punto possiamo dire che il nostro pranzo di Natale sia davvero pronto e curato in ogni dettaglio. Non ci resta che aprire la porta ai nostri ospiti e accoglierli con il nostro più affettuoso e gioioso buon Natale!