Ferro in gravidanza

Ferro in gravidanza: per le donne in gravidanza il fabbisogno di ferro aumenta specialmente negli ultimi mesi. E' comune per le donne essere soggette a carenze di ferro e quindi ad anemia. La dieta alimentare acquista un ruolo principale nel garantire la buona salute e quindi vanno scelti cibi che contengono le giuste quantità di ferro.
Buone fonti di ferro vegetali si trovano nella carne, nel pesce, cereali integrali, legumi, ortaggi verdi e frutta secca. Oltre al ferro, è importante anche la vitamina C, che troviamo nella frutta fresca e nella verdura.
Piccoli accorgimenti da sapere per migliorare l'assorbimento del ferro dagli alimenti: sarebbe da evitare di bere a ridosso e subito dopo i pasti, perché il tè contiene tannino che può inibire l'assorbimento del ferro. Il ferro è un elemento indispensabile alla formazione dell'emoglobina, per garantire i processi di respirazione cellulare dei tessuti (indispensabile per mandare ossigeno dai polmoni venga a tutti gli organi e anche al feto). Oltre al ferro, in gravidanza è importante anche il calcio, che possiamo ottenere il latte e/o suoi derivati.
Sintomi della carenza di ferro
Come accorgersi che abbiamo una carenza di ferro? I primi sintomi della carenza di ferro sono stanchezza e spossatezza.
Assorbimento di ferro
Possiamo assorbire circa il 25% del ferro contenuto in carne, pesce e pollame. L’assorbimento di ferro da cereali, verdura, frutta è notevolmente minore ma aumenta se sono assunti insieme alla vitamina C presente negli agrumi, uva, kiwi, peperoni e patate; fruttosio contenuto nella frutta e nelle spremute; proteine della carne e del pesce. L’assorbimento di ferro è basso se associato a questi alimenti: uova; crusca; tè.