Cucinare a Microonde

Cucinare a microonde: un metodo di cottura innovativo e molto efficace.


A differenza di quelli tradizionali, infatti, in cui il calore si propaga dal recipiente all'alimento, nella cottura a microonde il calore si produce all'interno dell'alimento stesso.

Le microonde non provocano alterazioni né strutturali né chimiche alle molecole dei cibi: semplicemente fanno vibrare le molecole di acqua contenute negli alimenti, generando calore per frizione. L'acqua, trasformatasi in vapore, consente la cottura dei cibi.

Per questo è importante coprire sempre i recipienti durante la cottura: il coperchio impedisce la dispersione del del vapore e accelera quindi i tempi di cottura. Gli alimenti possono essere coperti in diversi modi, ad esempio con un piatto di porcellana o con della pellicola trasparente, adatta al microonde.

Poiché la cottura prosegue ancora per qualche minuto dopo l'estrazione dal forno dell'alimento, è importante osservare un tempo di riposo (saranno sufficienti 1-2 minuti), che consentirà di stabilizzare la temperatura all'interno dei cibi.

Come funziona un forno a microonde
Il cuore di un forno a microonde è il magnetron, che trasforma l'energia elettrica in onde elettromagnetiche (le microonde, appunto).

Le onde vengono emesse dal magnetron e ricevute dagli alimenti, per questo motivo è importante non far funzionare mai il forno a vuoto, perché la mancanza di 'ricevitore' potrebbe danneggiare l'apparecchio.

Le microonde vengono riflesse dalle pareti metalliche del forno e dalla piastra di base, raggiungendo in questo modo l'alimento da ogni direzione. Per ottenere una cottura uniforme, i cibi vengono collocati su un piatto girevole, che contribuisce alla distribuzione delle microonde all'interno della cavità del forno.

Le proprietà delle microonde

Come i raggi del sole passano attraverso i vetri, così anche le microonde attraversano alcuni materiali e non altri. Queste sono alcune delle loro proprietà:
- attraversano il vetro, la porcellana, la ceramica, la carta, i materiali plastici e il legno.
- vengono riflesse dai metalli.
- vengono assorbite dagli alimenti.

Se le microonde colpiscono metalli, come l'acciaio, il rame o l'alluminio, esse si riflettono sulla loro superficie, ciò significa che non è possibile riscaldare i cibi in recipienti di metallo o avvolti in fogli di stagnola.
Le microonde invece attraversano il vetro, la porcellana, la ceramica, i materiali plastici e riscaldano le pietanze in essi contenute.