Come apparecchiare la tavola di San Valentino

Cena di San Valentino: Come Apparecchiare la Tavola

Come apparecchiare la tavola per la Cena di San Valentino

Per il tête-à-tête più romantico e d’effetto, San Valentino presiede ai sentimenti, ma alla tavola lasciamo che ci pensino dei maestri di stile, ovvero i nostri speciali contributors della Compagnia del Colle: lo staff preposto al servizio di sala e al banqueting del Palazzo del Quirinale, massimi esperti di ospitalità e galateo. Un’apparecchiatura preziosa e seducente, porcellane e fiori sensuali, un menu studiato per l’occasione e un dessert-gioiello: due cuori golosi e complementari, da servire simbolicamente insieme come pegni d’amore reciproco.

Tavola e cena di San Valentino: la mise en place

(descrizione)

La mise en place per la cena di San Valentino non potrà che essere preziosa in ogni dettaglio e sottilmente seducente. Tovaglia bianca di tessuto operato, con tovaglioli rigorosamente in pendant. Porcellane pregiate a decoro floreale e cristallerie fini. Posate d’argento, con posto tavola composto da forchetta, coltello pesce, cucchiaio e tris da frutta.

Il corredo floreale avrà nuance con le dominanti cromatiche dei piatti (da preferire la gamma dei toni più caldi, come il porpora, il rubino, il rosa antico).

Preparate dei lega tovaglioli personalizzati, con una guarnizione romantica in tema con l’intimità dell’occasione.

Per il servizio: da preferire porzioni individuali, fatta eccezione per il dessert, presentato in un piatto di portata composto simbolicamente con due cuori “complementari” incorniciati da lussureggianti guarnizioni.

Tavola e cena di San Valentino: il menu

(descrizione)

Raffinato, leggero e mini, il menu di San Valentino deve prevedere due portate al massimo, più il dessert, che sarà il pezzo forte del menu.
Prepariamo un aperitivo al prosecco e crème de Cassis con frutti rossi brinati in tono, a seguire suggeriamo un'insalatina di fiori eduli con crudo di pesce e una crema di astice con fiocchi di patate al prezzemolo.

E come dessert? Qui il romanticismo deve raggiungere il suo culmine: cuori di ricotta con canditi e frutta secca.

Cena di San Valentino e Tavola: ditelo con i fiori

(descrizione)

La scelta è accurata e studiata in termini visisvi e olfattivi, cromatici e compositivi. Il bouquet centrale sarà composto da rose sarmentose, piccole azalee, brassicae (cavoletti ornamentali colorati). In aggiunta prepareremo due composizioni individuali “Invito romantico”: rose a cespuglio, foglie di ginkgo bilboa cordate, fette di agrumi essiccati. E nel piatto dessert? Un’orchidea Cattleya, il più sensuale e allusivo dei fiori d’amore, oltre che la specie più pregiata

Cena di San Valentino: qualche tocco di classe

    • Le due composizioni di fiori individuali “Invito romantico”, di corredo per i due commensali, in aggiunta alla classica composizione centrale
    • La scelta decorativa e cromatica del servizio, sensuale e vagamente orientaleggiante
    • I menu ornati con il medesimo decoro dei piatti (campionato e stampato)

Ed ora pensate al menu per la cena di San Valentino. Ecco tutti i consigli per una cena di San Valentino all'insegna di eleganza e raffinatezza.

Cena di San Valentino: Menu e Ricette