7 buone abitudini che ogni bimbo deve imparare

Tutte le mamme desiderano che il proprio figlio diventi educato e si comporti da bravo bambino, non appena inizierà a frequentare l'asilo nido.

Ma a quale età un bimbo è veramente pronto a mettersi seduto, quando glielo si chiede oppure a mettere a posto i suoi giocattoli o ad essere gentile? E qual'è il modo migliore per far si che assimili certe buone abitudini?

Il segreto è iniziare ad insegnare al bambino le buone abitudini e a rinforzarle fin dalla più tenera età, quando ha ancora pochi mesi di vita, in modo che queste abitudini diventino automatiche. Dagli il buon esempio e spiegagli perchè certe abitudini sono così importanti.

Quali sono, dunque, le buone abitudini che possiamo insegnarli fin dai primi mesi di vita?

1) Chiedere per favore e ringraziare.
I bambini imparano meglio attraverso l'esempio, quindi cerca di ricordarti di usare tu per prima le buone maniere con lui! Perfino i bamini molto piccoli possono afferrare il concetto di "grazie", tu devi solo rinforzare questa sua comprensione, come? Ringraziandolo sempre ogni volta che ti porge qualcosa. Così facendo il bambino dovrà semplicemente copiarti e imitarti.

2) Lavare bene le mani prima di...
L'abitudine di lavarsi le mani prima di mangiare dovrebbe iniziare non appena il bambino comincia a gattonare, sporcandosi così le manine.
Il segreto è cercare di rendere divertente la cosa, ad esmpio potreste insaponarvi le mani insieme al piccolo (con una simpatica e colorata saponetta) e magari facendo a gara a chi fa la bolla di sapone più grande. In questo modo non vedranno l'ora che arrivi il momento di lavarsi le manine!

3) Non dimenticare mai di lavarsi i denti.
Lavare i denti a un bambino piccolo può essere un'impresa piuttosto difficile , ma si tratta di un'abitudine decisamente importante, che non si può assolutamente trascurare. Il consiglio: fatelo fare a lui.
Molti bambini riescono già a tenere bene lo spazzolino in mano ad un anno. Ricordati però che anche tu gli dovrai lavare bene i denti, dopo che il piccolo avrà finito e dovrai continuare a supervisionarlo finchè nnon avrà compiuto almeno 7 anni. Inoltre, lascia che sia tuo figlio a scegliersi lo spazzolino, che ovviamente dovrà essere molto speciale e man mano che il bimbo cresce fai in modo che si possa guardare allo specchio, perchè questo può aiutarlo a concentrarsi meglio su quello che fa.

4) Non si gioca con le proprie parti intime.
In genere, i bambini diventano consapevoli di avere genitali verso la fine del primo anno di vita. E' piuttosto normale che maschietti e femminucce giochino con le loro parti intime e non c'è ragione di scoraggiarli. Così facendo infatti, il bambino avrebbe l'impressione di fare qualcosa di proibito e questo potrebbe addirittura creargli dei problemi quando diventerà più grande. La soluzione migliore è: far finta di nulla quando ciò si verifica. Se il fatto avviene in pubblico è necessario distrarre il bambini, ma in ogni caso il piccolo non deve essere sgridato.

5) Non si gioca con il cibo quando si sta a tavola
Il modo migliore per insegnare le buone maniere a tavola al tuo bambino, è farlo stare insieme a tutta la famiglia. In questo modo il piccolo avrà la possibilità di vedere come si comportano gli altri a poco a poco anche lui imparerà a comportarsi bene a tavola.
Intorno alla fine del suo primo anno di vita, il piccolo avrà imparato a maneggiare il cucchiaio e piano piano imparerà a mangiare da solo (meglio ancora se con l'utilizzo di posate e ricette speciali per lui).
Ovviamente non ti devi aspettare che resti seduto composto a tavola, almeno per il momento. Se tuo figlio vuole alzarsi da tavola, quindi, lascialo fare, ma cerca di farlo rimettere seduto dopo 5 minuti. Ben preasto il bimbo imparerà che a tavola si deve stare seduti per mangiare.

6) Stare buono seduto quando glielo si chiede
E' veramente possibile riuscire a far stare seduto un bambino? Come può un bimbo di soli 2 anni, capire quello che gli chiedi e obbedirti? Molto dipende innanzitutto, dal carattere del bambino e bisogna dire che spesso i maschietti sono quelli che fanno più fatica a stare seduti, rispetto alle femminucce. Osservare una regola come questa è una capacità che si acquisice solo col tempo.  Il piccolo, a questa età può riuscire ad isolarsi dal rumore di sottofondo ed è meno soggetto a distrarsi.
Quando si avvicina ai 3 anni, puoi spiegargli perchè è così importante che lui impare a stare seduto: può ascoltarti meglio quando gli leggi una fiaba o gli racconti una storia e poi è ormai in grado di capire che è maleducazione gridare o interrompere qualcuno, mentre parla.
Il segreto? I complimenti funzionano! Quindi, ogni volta che tuo figlio resta seduto o obbedisce, lodalo molto! 

7)Mettere a posto i giocattoli dopo aver giocato
Secondo gli esperti, questa è una regola che bisognerebbe instaurare quando il bambino è ancora molto piccolo.
Già a 18 mesi potrebbe addirittura divertirsi ad aiutarti a mettere a posto tutti i suoi giocattoli. Naturalmente il grosso del lavoro dovrai farlo tu, almeno finchè non avrà compiuto 4-5 anni. Puoi cercare di far capire a tuo figlio che se ripone ordinatamente le macchinette, i pupazzi o le pentoline, sarà più semplice ritrovarli. Prova a dargli un premio (anche una caramella o qualcosa che gli piace molto) ogni volta che mette tutto a posto. Per rendere il compito ancora più gradevole, procurati delle scatole per riporre i giocattoli, che abbiano dei colori vivaci.

Questi sono semplicemente dei consigli da mettere in pratica per cercare di insegnare con meno fatica, alcune regole di buona educazione al tuo bambino. Ma è ovvio che dovrai metterci del tuo, in base ai suoi gusti e al suo carattere...e queste sono caratteristiche che imparerai a riconoscere solo nel corso del tempo.

Leggi anche:
- Bambini: a tavola senza capricci

- Giochi in spiaggia: come stimolare il bambino

- Obesità: bambini a dormire, per non rischiare!