Sagra della Crespella a Veroli

Situata nel cuore della Ciociaria, Veroli, in provincia di Frosinone è una cittadina medievale di antiche origini. Fu fondata dagli Ernici, le cui testimonianze sono riscontrabili visitando l'agropoli e le mura megalitiche. Fin dal periodo di Tarquinio il Superbo, Veroli fu per parecchio tempo alleata dei romani per poi nel XIV secolo entrare a far parte dello Stato Pontificio. Veroli è la simbiosi tra archeologia, storia e devozione, una città che ha avuto nel passato una notevole importanza e che ancora oggi rappresenta uno dei luoghi più attrattivi della Ciociaria.

(descrizione)

Un territorio ricco di storia antica, di forte impronta contadina, che ha fatto della sua gastronomia un punto di attrazione turistica. Una cucina dai sapori decisi e robusti, costituita da ingredienti genuini che è possibile assaporare nei suoi piatti tipici: dal rinomato pane di Veroli Igp preparato secondo antichi riti alle tradizionali ciambelle all'anice, dalle gustose crespelle allo speziato garofolato ossia un piatto di carne di pecora condita con chiodi di garofano.

La Crespella di Veroli era fin dal passato una pietanza molto consumata dagli abitanti della ciociaria, soprattutto durante i pellegrinaggi trovava sempre un posto nelle bisacce. Due sacerdoti bergamaschi nel 1964 decisero di valorizzare questa pietanza tanto amata, dando origine alla prima sagra dedicata a qesta deliziosa frittella.

(descrizione)

Alla crespella, Veroli dedica nel mese di marzo una delle più rinomate sagre della Ciociaria: la sagra della crespella. Un anellone di farina, lievito, acqua, simile all'impasto del pane, viene fritto in abbondante olio di oliva dalle massaie, le crespellare, e distribuito ai tanti turisti accorsi a gustare il profumo e il sapore delle crespelle.

Essa racchiude in sè il sapore di un tempo passato, le tradizioni delle grandi famiglie riunite sotto lo stesso tetto, in cui i nonni seduti accanto al camino raccontavano ai nipoti fantastiche storie mentre le donne friggevano.

Un'antica ricetta che con il passare del tempo ha subito delle variazioni con aggiunta di ulteriori ingredienti come uova, strutto, latte e zucchero. Bande musicali, canti, carri allegorici e sfilata degli abiti ciociari del 1800 rappresentano la cornice ideale per i festeggiamenti di questa gustosa frittella.