Sagra della Castagna di Sant'Agata di Esaro

Sant'Agata di Esaro è un piccolo borgo montuoso in provincia di Cosenza, situato nell'entroterra calabrese. Il paese sorge su una rupe che scende a picco sul fiume Esaro. Un territorio incastonato nelle catene montuose dell'Appennino Calabrese e che, grazie alle sue bellezze paesaggistiche e artistiche, contribuisce ad arricchire il Parco Nazionale del Pollino.

Il piccolo centro è legato alla lavorazione del legno, soprattutto del pregiato castagno, e vanta la presenza, in tutto il territorio comunale, dell'unico istituto scolastico dedicato al settore legno. Passeggiando per le vie del paese e per il suo centro storico si rimane affascinati dalle botteghe artigiane, dagli abili maestri del legno e dai diversi edifici di grande pregio storico e architettonico.

(descrizione)

Gli artigiani santagatesi in passato erano famosi in tutta la Calabria per la lavorazione del legno e per l'abilità dei maestri falegnami nella realizzazione di mobili ed infissi di castagno. Un'arte che si è tramandata di generazione in generazione. Il castagno ha da sempre rappresentato un'importante risorsa per l'intero territorio di Sant'Agata di Esaro, sia per i suoi frutti, sia per la produzione legnosa.

In queste terre, nel ricco paesaggio boschivo alle pendici dei monti, l'albero di castagno cresce in abbondanza e rappresenta una delle culture più antiche, probabilmente introdotta a seguito della colonizzazione ellenica. La castagna ha da sempre accompagnato i pasti della popolazione, sfamando in periodi di carestia e spesso sostituendo il pane. Per questo motivo che in passato il castagno era chiamato "l'abero del pane".

(descrizione)

Alla castagna, il piccolo borgo di Sant'Agata di Esaro dedica la seconda domenica di novembre, una delle più importanti sagre della Calabria. La Sagra della Castagna di Sant'Agata di Esaro è nata nel 1975 al fine di valorizzare uno dei prodotti simbolo del piccolo borgo. La sagra celebra non solo il frutto della castagna ma anche tutti i suoi derivati attraverso i diversi stand dove è possibile trovare lavorazioni artigianali, antiquariato ed esposizione.

Un grande percorso che si snoda per le vie del centro, riempite dal profumo autunnale delle dolci caldarroste. Una ricca manifestazione dove è possibile gustare la tipica castagna calabrese, facile da sbucciare, e i tanti prodotti locali. Spettacoli ed intrattenimento animano la diverse giornate di festa.