Sagra della Bruschetta di Casaprota

Casaprota è una piccola cittadina in provincia di Rieti, situato nel cuore della Sabina, nella Valle del fiume Farfa. Il borgo è circondato da una splendida natura, da dolci colline e verdeggianti vallate. Un angolo nascosto del Lazio, a pochi chilometri dall'Abbazia di Farfa, da visitare e ammirare per la bellezza del suo centro storico tipicamente medievale.

Il suo castello del 1200 e la torre con base circolare sono parte integrante del paese e i tanti edifici di carattere religioso sono il simbolo di arte e cultura. Un borgo allegro con un centro storico arricchito da case in pietra, vicoli stretti e da qualche bottega sparsa. Casaprota rappresenta un ottimo punto di partenza per un tour della Sabina in cerca di castelli, atmosfere medievali, reperti di rovine romane ed itinerari gastronomici.

(descrizione)

Paesaggi collinari, ampie vallate e coltivazioni rigogliose, questa è la natura in cui l'ulivo la fa da protagonista. Il legame tra Casaprota e l'olio extravergine d'oliva affonda le sue radici nel passato, già all'epoca degli antichi romani. Un'olio extravergine d'oliva sabina dop che in questo territorio trova la sua massima espressione tanto da ricevere nel 1995 la denominazione DOC per tutelarne la qualità e valorizzare un territorio ricco di valori storici e umani.

L'olio verde di Casaprota si distingue per il sapore intenso e fruttato, per la bassa acidità e per le caratteristiche organolettiche che lo rendono uno degli olii più apprezzati d'Italia. Un territorio votato all'agricoltura e che arricchisce le proprie tavole con la tipica gastronomia del posto. Sapori genuini come pasta fatta in casa, zuppe, salsicce e carne alla brace rappresentano i gusti e i sapori della Sabina. Il tutto condito con l'eccellente olio e accompagnato da un calice di vino rosso.

(descrizione)

Casaprota accoglie i suoi visitatori nel mese di gennaio con il primo appuntamento gastronomico dell'anno, la Sagra della Bruschetta. Una manifestazione nata nel 1962 per festeggiare il suo olio extravergine d'oliva e per esaltarne l'intenso sapore attraverso una fetta di pane casareccio riscaldato alla brace. Tante le bruschette che saranno servite gratuitamente durante la sagra considetata la festa più festa dell'anno.

Un ricco programma di intrattenimento e cultura, mostre laboratori e concerti. La sagra della bruschetta diventa una buona occasione non solo per degustare l'aromatico olio ma anche per assaggiare zuppe di farro e tartufo, fregnacce sabine, salsicce, fettuccine fatta in casa ai funghi e carne alla brace. Un appuntamento che coniuga il gusto con la tradizione, il tutto immerso in un suggestivo scenario medievale.