Sagra dell'Asparago Selvatico a Gesturi

Aria di primavera

Gesturi sorge nella parte centro meridionale della Sardegna in un paesaggio che sembra si sia fermato nel tempo, caratterizzato dalla presenza di numerosi siti nuragici, dalla forte devozione religiosa e dall'Altopiano della Giara, di origine vulcanica. Situato nella regione della Marmilla, il suo territorio è considerato un'oasi naturalistica, un museo a cielo aperto dove flora e fauna vivono in stretta simbiosi ed è possibile trovare delle rare specie botaniche. Un territorio dalla bellezza selvaggia dove si alternano vallate, pozze d'acqua e costoni scoscesi ricchi di boschi di querce, pioppi e tavolate di sughereti, in cui abitano anatre, beccacce, lepri e i cavallini della Giara, una specie protetta che vive allo stato brado.

(descrizione)

Un territorio ricco di macchia mediterannea, dominato dalla presenza di ulivi e viti coltivati da tempi antichissimi e da cui si ricavano ottimi prodotti di qualità. Un luogo in cui la tradizione contadina e l'eccellenza di ingredienti genuini producono una gastronomia semplice e raffinata, come: malloreddus con salsiccia e ragù, maialetto arrostito aromatizzato dalle bacche di mirto della Giara, formaggi pecorini e caprini, salumi casarecci e il tipico dolce Pistokkeddus, una sorta di savoiardo ricoperto da una morbida glassa. Un prodotto molto diffuso, che in queste zone trova il suo habitat naturale, è l'asparago selvatico. Una pianta che cresce tra i boschi, cespugli e radure e le cui proprietà salutari erano conosciute fin dai tempi antichi. Coltivati dagli Egizi e usati dai Romani come pianta officinale, gli asparagi trovano largo uso in cucina per la preparazione di diverse pietanze.

(descrizione)

Ed è agli asparagi che la città di Gesturi dedica i suoi festeggiamenti nel mese di marzo, attraverso la Sagra dell'Asparago Selvatico. I visitatori avranno la possibilità di assaggiare un menù a base di questa salutare pianta primaverile, e di passeggiare tra i diversi stand, allestiti per l'occasione, degustando prodotti locali e sorseggiando un buon bicchiere di Cannonau. Non mancheranno laboratori, dimostrazioni e visite guidate intorno al mondo delle erbe spontanee.