Sagra del Pisello a Casalborgone

Alle porte del Monferrato, in provincia di Torino sorge Casalborgone, un piccolo borgo che si sviluppa intorno al suo Castello, la cui antica struttura è stata costruita intorno al secolo XI. Il borgo di Casalborgone si affaccia su suggestive vallate, su boschi di querce e castagne, su morbide colline. Un territorio ricco di bellezze naturalistiche, chiese romaniche, ville storiche, architettura medievale, un luogo ideale per poter trascorrere piacevoli momenti di relax oppure praticare trekking alla scoperta di questi luoghi affascinanti ricchi di storia.

(descrizione)

Il territorio di Casalborgone è vocato alla produzione di cereali e legumi, in particolare a quella del pisello, coltivato in questi terreni fin dall'inizio del XIX secolo. Le varietà utilizzate in passato sono state sostituite da diversi anni con la specie Espresso Generoso, una varietà commerciale, precoce e di dimensioni ridotte.

Il pisello di Casalborgone con i suoi frutti teneri e gustosi è particolarmente adatto per zuppe e vellutata, ma anche come contorno oppure come ripieno o condimento per un piatto di pasta. Secondo la tradizione, viene seminato alla fine di novembre, in occasione della festività di Sant'Andrea e raccolto tra maggio e giugno.

(descrizione)

Considerato in passato simbolo di fortuna e prosperità, il pisello, sopratutto fresco è da sempre considerato tra le principali fonti di nutrimento. Ogni anno nel periodo primaverile, Casalborgone dedica a questo legume un'importante manifestazione, la Sagra del Pisello.

Le vie del borgo piemontese si arrichiscono di stand gastronomici in cui è possibile non solo acquistare questo dolce ortaggio ma anche gustare i deliziosi menù a base di piselli cucinati secondo la tradizione locale.