Sagra del Castagnolo a Monte San Vito

Il tradizionale Carnevale di mezza Quaresima

Monte San Vito, in provincia di Ancona, sorge su un'affascinante zona collinare ed è considerato uno tra i più bei borghi delle Marche. Un luogo interessante che attira molti turisti sia per la sua storia che per la sua vicinanza ai centri balneari di Senigallia e della riviera del Conero. Le prime testimonianze sulla sua origine risalgono al periodo romano. Per diversi secoli Monte San Vito fu una terra contesa tra i vari nobili della zona. Le controversie durarono fino al XV, dopo l'occupazione della famiglia Malatesta, in cui l'intero territorio di Monte San Vito passò sotto la sovranità di Ancona.

Attraverso una passeggiata per il suo centro storico è possibile ammirare le diverse opere, edifici e chiese che rappresentano il patrimonio culturale dell'incantevole borgo. A tutto questo si aggiunge un'affascinante paesaggio che permette ai tanti visitatori di vivere a contatto con una natura incontaminata. Monte San Vito è un paese ancora radicato alle tradizioni contadine del passato che rivive e valorizza attraverso l'organizzazione di diversi eventi. Molto sentita da tutti i cittadini è la Sagra del Castagnolo una tradizione contadina che ogni anno viene festeggiata prima di Pasqua, a metà Quaresima, per alleggerire il periodo dei sacrifici quaresimali. 

A Monte San Vito castagnole e salsicce volanti

(salsicce volanti alla sagra del castagnolo)

Grazie alla sua posizione geografica, Monte San Vito è un territorio dedito all'agricoltura, all'allevamento e al turismo. Una terra basata principalmente sulla produzione di olio extravergine con certificazione biologica che inserisce il Comune nell'Associazione Nazionale Città dell'Olio. Monte San Vito è inoltre una delle zone di produzione del vino Lacrima di Morro d'Alba DOC, un vino dal colore rosso rubino apprezzato e conosciuto fin dai tempi dell'antica Roma.

Il territorio conserva molti dei piatti tipici della regione, tra i quali ricordiamo alcuni salumi e insaccati come ciarimboli e salsicce, ma anche pietanze come coniglio in porchetta, pizza con i graselli e pizza di Pasqua al formaggio. Il tipico dolce di Carnevale di Monte San Vito sono le Castagnole a cui tutta la comunità nel lontano 1965 ha dato vita ai festeggiamenti della prima Sagra del Castagnolo. Le castagnole sono una vera e propria tradizione del borgo, un piacere fritto tutto da gustare. La preparazione prevede un impasto di zucchero, uova, farina. Il tutto aromatizzato con scorza di limone e qualche goccia di mistrà.

Sagra del Castagnolo: tradizione e leccornie tutte da gustare

(sagra del castagnolo)

Avete mai visto le salsiccie volare con il paracadute? A Monte San Vito succede fin dal 1965 con la Sagra del Castagnolo. La sagra ha origine da un'antica festa contadina dove, per allegerirsi dalle rinunce e i sacrifici fatti durante i quaranta giorni di Quaresima, i contadini si incontravano la sera nei casolari per ballare e divertirsi. Il giorno seguente si ricominciava con le penitenze quaresimali.

La manifestazione inizia nel primo pomeriggio con la sfilata di gruppi mascherati per poi proseguire con musica, balli e tanti giochi organizzati. Il tutto unito naturalmente all'irresistibile profumo di castagnole che avvolge l'intero paese. Durante la sagra è un vero piacere girovagare per le vie del centro storico e assaporare le tante leccornie presenti negli stand gastronomici.

Ma la Sagra del Castagnolo non offre solo questo. Bisogna aspettare il tardo pomeriggio per assistere al tradizionale lancio delle salsicce legate a dei piccoli paracaduti. Un rituale che risale agli anni cinquanta quando alcuni organizzatori, per rallegrare i visitatori, proposero questo goliardico gesto. Le salsicce volanti sono talmente piaciute che si decise di riproporre ogni anno la divertente idea che rappresenta uno dei motivi di attrazione principale.

Informazioni utili

DOVE

centro storico Monte San Vito

QUANDO

domenica 31 marzo 2019

ORARIO

dalle ore 14.00 fino a sera

BIGLIETTI

ingresso gratuito

Come arrivare

In Auto

  • Prendere l'autostrada A14 direzione Bologna-Canosa ed uscire ad Ancona Nord.
  • Prendere la SS76 Ancona-Roma ed uscire allo svincolo Chiaravalle-Monsano.

In Treno

Le stazioni ferroviarie di riferimento sono Falconara Marittima (distanza 11 km), Chiaravalle (distanza 5,8 km) e Jesi (distanza 14 km) della linea ferroviaria Ancona-Roma.

Dalla stazione proseguire con autobus di linea del servizio extraurbano Conerobus. Per informazioni su biglietti, percorso e orari clicca qui.

In Aereo

L'aeroporto di riferimento è quello di Ancona, il Raffaello Sanzio di Falconara Marittima, distante 9 km da Monte San Vito. Proseguire per la località noleggiando un auto o con un taxi oppure con autobus.

Imposta il navigatore e calcola il percorso per arrivare a Monte San Vito.