Sagra del Carciofo Romanesco a Ladispoli

Sua maestà Er Cimarolo

Porto etrusco e colonia romana, Ladispoli è una cittadina balneare in provincia di Roma che fu costruita nel 1888 ad opera del principe Ladislao Odescalchi che, dopo aver preso possesso del castello di Palo, per allontanare villeggianti e abitanti, costruì un piccolo borgo. Oggi i tempi sono cambiati e Ladispoli si presenta con una facciata moderna e con edifici di recente costruzione ma il suo passato emerge tutte le volte che lo sguardo si volge verso il Castello degli Odescalchi e nelle tante testimonianze archeologiche.

Le lunghe distese di spiaggia di Ladispoli sono tra le più frequentate del litorale laziale. Fino a qualche anno fa erano caratteristici per il loro colore scuro grazie alla presenza di minerali di ferro, motivo per il quale Ladispoli era considerata, negli anni Sessanta, un luogo noto per sabbiature e per trattamenti terapeutici. Ma il litorale laziale di Ladispoli è conosciuto soprattutto per una delle più antiche sagre del Lazio, la Sagra del Carciofo Romanesco che quest'anno festeggia la sua 69° edizione.

A tavola con il Carciofo Romanesco IGP

(Sagra del Carciofo Romanesco a Ladispoli)

Questa terra degli Etruschi già nel XV e XVI secolo era definita perla della Campagna Romana per la fertilità del territorio che alternava campi coltivati, oliveti, vigneti e pascoli. Una terra ricca di un patrimonio agroalimentare e di ortaggi d'eccellenza tra cui il carciofo romanesco IGP, chiamato anche cimarolo o mammola. Conosciuto già ai tempi degli antichi Egizi che lo utilizzavano come pianta medicinale, il carciofo romanesco ha ricevuto il marchio IGP nel 2002.

Ricco di sali minerali, vitamine e fibre, vanta virtù terapeutiche che lo fanno diventare un alimento fondamentale nella dieta mediterranea. I suoi effetti diuretici sono molti indicati per un regime alimentare dietetico in quanto aiuta a controllare il sovrappeso e la cellulite. Il carciofo romanesco si raccoglie a partire da gennaio fino a maggio e si consiglia di consumarlo velocemente dopo il suo acquisto perchè non si adatta alla conservazione in frigo e, soprattutto, per apprezzarne le proprietà organolettiche.

Il carciofo romanesco non solo è il re dell'orto ma governa indiscusso le nostre tavole primaverili con tante gustose pietanze, accostamenti, ricette tradizionali e non. Consumato alla giudia, alla romana, al gratin, in padella o crudo, per gustarne a pieno il suo sapore dolce-amaro, gli appassionati di questo ortaggio possono recarsi a Ladispoli durante l'annuale Sagra del Carciofo Romanesco.

Aprile a Ladispoli è Sagra del Carciofo Romanesco

(carciofo romanesco alla giudia)

La Sagra del Carciofo Romanesco nasce nel 1950 per volere della Pro Loco per promuovere il territorio di Ladispoli sfruttandone il prodotto locale: il carciofo. L'evento ha suscitato nel corso degli anni un numero sempre più grande di visitatori, riscuotendo molto successo di pubblico. Generalmente la sagra si svolge annualmente nel mese di aprile ma la sua data varia in base al periodo di coltivazione e raccolta dei carciofi.

La Sagra del Carciofo di Ladispoli è considerata la più antica kermesse dedicata a questo ortaggio e oggi la manifestazione ha assunto una tale importanza di tipo fieristico e gastronomico, che conta oltre quaranta tentativi di imitazione. Un programma ricco di eventi e aree tra cui spicca la prestigiosa e gustosa piazza dei sapori, uno spazio gastronomico che ospita le prelibatezze e le specialità regionali d'Italia. Un lungo weekend di aprile per deliziare il proprio palato con il saporito carciofo romanesco e i numerosi stand gastronomici.

Ma uno dei momenti di maggiore attrazione sono le sculture di carciofo realizzate dai produttori con i petali e i fiori dell'ortaggio. Un'esposizione di vere e proprie opere d'arte! Una grande festa a ritmo di musica, spettacoli, arte, cultura e sapori che inizia il venerdì pomeriggio e si potrae fino a domenica sera con la chiusura dei spettacolari fuochi d'artificio.

Informazioni utili

DOVE

Piazza Rossellini, Ladispoli (Roma)

QUANDO

12-13-14 aprile 2019

ORARIO

tutto il giorno

INGRESSO

Gratuito

Come arrivare

In Auto

Prendere l'autostrada A12 e uscire a Ladispoli

In Treno

Arrivare alla stazione Roma Termini e da lì prendere un treno regionale in direzione Civitavecchia. Scendere a Ladispoli. Il tempo di percorrenza è di circa 25 minuti.

In Pullman

È possibile raggiungere Ladispoli in autobus con le autolinee cotral:

  • da Roma (Cornelia - metro A)
  • da Civitavecchia

Imposta il navigatore e calcola il percorso per arrivare a Ladispoli.