Sagra del Baccalà a Bomarzo

Bomarzo è un piccolo borgo in provincia di Viterbo che sorge su una roccia di tufo e dalla quale è possibile ammirare uno splendido panorama sulla valle del Tevere. La cittadina sorge nel cuore della Tuscia, a nord dei Monti Cimini al confine con l'Umbria. Il suo centro storico è costituito da palazzi di origine medievale, tra cui spicca il Palazzo Orsini che ospita al suo interno affreschi di pregevole fattura.

Questo incantevole angolo del Lazio, ospita nella valle sottostante un complesso di statue fantasiose e grottesche in basalto, inserite in un parco verde, ricco di conifere e latifoglie che fanno parte del rinomato Parco dei Mostri o anche denominato Sacro Bosco o Villa delle Meraviglie, voluto da Vicino Orsini alla fine del XVI secolo.

(descrizione)

Sapori autentici e genuini sono quelli che caratterizzano la cucina tipica del viterbese influenzata dalla cucina romana, toscana e umbra. Una cucina fatta di ingredienti poveri, sapientemente uniti e cucinati, il cui legame con il territorio risale ai tempi lontani. Prodotti semplici alla portata del popolo, perchè quelli più elaborati e pregiati erano destinati agli aristocratici.

Se gli gnocchi erano considerati il pasto tradizionale del giovedì, il consumo del pesce era destinato al venerdì, giorno di astinenza dalla carne. Mentre i pesci più pregiati erano consumati dai cardinali e dagli aristocratici, il baccalà è stato per diversi secoli considerato un prodotto economico, nutriente e sostanzioso, alla portata di tutti, facile da trasportare e conservare.

(descrizione)

Fritto, in umido, pastellato, al forno o in guazzetto, il baccalà fin dai tempi remoti ha arricchito le tavole di moltissime regioni. Bomarzo festeggia questo pesce, i sapori tradizionali di una volta e il territorio dedicando una serie di giornate alle ricette tradizionali a base di baccalà. La sagra del Baccalà a Bomarzo diventa un imperdibile appuntamento culinario in cui i visitatori potranno degustare il prelibato prodotto attraverso i diversi menu proposti dagli stand gastronomici.

Baccalà in umido con ceci, panzanella di baccalà, baccalà fritto, primi piatti al baccalà, in agrodolce o con pomodori e olive, tante le pietanze previste, il tutto accompagnato da vino, musica e divertimento. Tra un assaggio e l'altro, i visitatori potranno passeggiare tra le vie del borgo medievale ammirando le bellezze del centro storico.