La Friscioladda di Bogliasco

Bogliasco, in provincia di Genova, è un piccolo borgo marinaro a strapiombo sul mare, un centro molto apprezzato della Riviera del Levante sia per la sua graziosa spiaggia fatta di ciotoli e sabbia, sia per la caratteristica insenatura, ma anche per la possibilità di poter intraprendere alcuni sport come il surf e la vela. Una cittadina immersa nella fiorente vegetazione dominata da palme e fiori.

(descrizione)

La vicinanza al mare, ha reso Bogliasco molto sviluppata da un punto di vista turistico, ma il turismo non è la sola risorsa economica del borgo, dedito fin dall'Ottocento alla floricoltura soprattutto alla coltivazione di camelie e orchidee, e all'agricoltura. La sua gastronomia, come gran parte dei piatti liguri, si basa su una cucina povera ma arricchita dal gusto delle tante erbe aromatiche utilizzate. Le specialità di Bogliasco sono i pansoti, una pasta fatta a mano ripiena di verdure quali bietole e boraggine da condire con una salsa alle noci. In passato, nel giorno di San Giuseppe, le botteghe artigiane del paese offrivano ai propri amici e clienti, delle frittelle dolci o salate che venivano cucinate all'interno della stessa bottega. La ricetta tradizionale prevedeva l'utilizzo di acqua, farina e verdure per quelle salate, mentre per quelle dolci si utilizzava farina, zucchero, latte, uova e uvetta.

(descrizione)

Dal 1972 la Confraternita di Santa Chiara continuò la tradizione attraverso la Friscioladda ossia la Sagra delle frittelle di San Giuseppe, in cui si distribuivano le frittelle a tutti in visitatori gratuitamente anche se era gradita una piccola offerta, il cui ricavato veniva utilizzato per le necessità della confraternita. Ancora oggi, Bogliasco festeggia annualmente San Giuseppe, preparando le deliziose frittelle dolci e salate, il tutto accompagnato da stand di prodotti tipici e mercatini d'artigianato. Un'occasione per poter godere delle bellezze artistiche e naturalistiche di Bogliasco, passeggiando per l'incantevole borgo, sorseggiando un buon bicchiere di vino locale e mangiando le frittelle di San Giuseppe.