Festa dei fuochi a Sulmona

Sulmona in provincia dell'Aquila, è situata in una splendida posizione geografica, nel cuore dell'Abruzzo, a ridosso del Parco Nazionale della Majella, nella Valle Peligna. Città natale del poeta latino Ovidio, autore delle Metamorfosi, e dei papi Celestino V e Innocenzo VII, è conosciuta nel mondo come la "Città dei confetti".  La sua origine sembra sia legata alla distruzione di Troia in quanto il suo nome deriverebbe da "Solimo", compagno di Enea. Le prime notizie storiche certe sulla sua fondazione giungono da alcuni ritrovamenti archeolocigi trovati nel Monte Mitra e ricollegabili a Tito Livio e all'epoca romana.

(descrizione)

Sulmona oggi è un importante centro legato alla produzione dei confetti e chiunque visiti la città rimane incantato dalla quantità di confetti esposti nei diversi negozi. Questo prodotto artigianale tanto apprezzato all'estero grazie ai nostri emigranti, era prodotto a Sulmona fin dal Medioevo e conosciuto non con il termine "confetto" ma "confettura" indicando mandorle e noci sgusciate coperte di miele. Sulmona è una meta enogatronomica molto accattivante per la varietà dei prodotti ortofrutticoli della Valle Peligna, per il suo aglio rosso, per i torroni artigianali, per i suoi dolci al formaggio pecorino innaffiati da un buon Rosso Montepulciano d'Abruzzo doc, Trebbiano e Cerasuolo

(descrizione)

Per festeggiare e sollecitare l'arrivo della bella stagione, Sulmona organizza il tradizionale rito della Festa dei Fuochi: enormi cataste di legna ardono nel centro della cittadina, dove canti e danze folcloristiche riscoprono le antiche usanze dimenticate. Nell'ambito della festa si assiste all'antica competizione tra gli asini, giochi ed esibizione dei falconieri. Non mancheranno stand enogastronomici e i gustosi piatti tipici locali preparati secondo la tradizione sulmonese, il tutto rallegrato con il buon vino locale.Per copiare il testo citare la fonte di provenienza: www.pelignanet.it