Antica Sagra di Santa Dorotea a Urbana

Tradizione e cucina del territorio veneto

San Salvaro è una frazione di Urbana, nel Veneto, a pochi chilometri da Padova. La cittadina sorge nella zona della Bassa Padovana delimitata dai Colli Euganei e dai fiumi Frassine, Adige e Fratta. Il territorio è caratterizzato ancora oggi dalla forte presenza di acqua che, nel corso dei secoli, a seguito delle irregolarità del fiume, ha trasformato parte del terreno in palude, poi successivamente bonificato.

Un territorio soggetto fin dal passato a guerre e dominazioni: Romani, Longobardi, Estensi, Carraresi, fino ad arrivare alla Serenissima Repubblica di Venezia. Luogo di scambi, commerci, nascite di castelli, ville patrizie, monasteri e abbazie. Particolarmente interessante è l'ex Monastero di San Salvaro, nato nel 1100 come Schola Sacerdotum, oggi è la sede del Museo delle Antiche Vie e accoglie ogni anno l'Antica Sagra di Santa Dorotea.

(Prosciutto crudo Berico Veneto)

Una passeggiata a Urbana e lungo il territorio della Bassa Padovana permette di ammirare non solo il patrimonio storico culturale ma anche di conoscere e assaporare gli eccellenti frutti della terra. Il territorio offre una selezione di prodotti tipici, tutelati dai vari consorzi al fine di proteggerne l'origine e la qualità.

Tra questi prodotti un posto in prima fila è occupato dal prosciutto crudo Berico-Veneto che nasce nel borgo di Montagnana ed è lavorato, ancora oggi, secondo metodi tradizionali. Un territorio dedicato, da sempre, alla coltivazione della vite e che riesce a trasformare l'uva in ottimi vini bianchi e rossi del Merlara doc. Inoltre formaggi, miele e marmellate a km 0, sono tanti i prodotti che arricchiscono la cucina veneta e che si possono scoprire durante l'Antica Sagra di Santa Dorotea a Urbana

(Antica Sagra di Santa Dorotea)

Ogni anno nel mese di febbraio la località San Salvaro, tra devozione e tradizione, festeggia Santa Dorotea per aver preservato il paese dalla peste del 1631. L'Antica Sagra di Santa Dorotea a Urbana si svolge nel cortile dell'ex Monastero di San Salvaro e accoglie tanti fedeli e non solo.

Durante la festa è possibile assaggiare le specialità locali e la tipica cucina casalinga veneta presente nei diversi stand gastronomici. Un ricco programma di musica, balli, rappresentazioni teatrali e giochi, fanno da cornice a questa allegra festa patronale.