Tenuta Sant’Antonio

Quattro fratelli e una sola passione che nasce nelle vigne paterne di S. Zeno di Colognola ai Colli, nella Valpolicella dove si producono i più famosi vini scaligeri: Amarone, Valpolicella, Soave. Un progetto che si consolida con l’acquisizione di una tenuta agricola nei Monti Garbi (Vr), con oltre cento ettari coltivati e un centro per l’affinamento all’avanguardia. Oggi conosciuta in tutto il mondo e produttrice di grandi eccellenze vinicole.

Vini con una grande personalità che vanno verso una produzione naturale e sostenibile con l’ambiente, questa è la filosofia di Tenuta Sant’Antonio. Tenuta Sant’Antonio ha scelto di intraprendere un'esperienza diversa dalla tradizionale lavorazione, sia nella vigna che in cantina, cercando di sfruttare le novità fornite da innovativi laboratori di ricerca. 

Un’esperienza che è cominciata nel momento in cui Tenuta Sant’Antonio ha scoperto la possibilità di produrre vini senza l’uso di solfiti: è nato così il progetto Télos.

(descrizione)

La concimazione organica e chimica (letame e concimi) è stata sostituita dall’utilizzo di composti vegetali, ottenuto da fermentazioni di ramaglie, microorganismi e rifiuti umidi civili. È favorito l’inerbimento totale senza l’uso di diserbo chimico, l’integrazione di sovesci e lo sfalcio delle malerbe. Nel periodo estivo l’uso di prodotti tradizionali, quali rame e zolfo, per la difesa fitopatologica è fortemente ridotto e affiancato da confusione sessuale per la lotta agli insetti.

(descrizione)

Tenuta Sant’Antonio utilizza lieviti selezionati direttamente da uve di propria produzione, nutriti con alimenti organici e non con prodotti chimici. Il monitoraggio delle temperature del vino è costante e l’azoto viene utilizzato in tutte le fasi di lavoro come protettivo antiossidante.

Tutti i vini, bianchi e rossi, rimangono sempre a contatto con le proprie feci fini e sono mantenuti in sospensione da miscelatori posizionati sul fondo dei vasi vinari di acciaio inox. Nelle botti, con il metodo tradizionale del battonage. La pulizia dei vini avviene solo pochi giorni prima dell’imbottigliamento.