Tenuta San Leonardo

Tenuta San Leonardo più di mille anni fa era un monastero. Da oltre tre secoli è la residenza dei Marchesi Guerrieri Gonzaga che ne sono appassionati custodi. Tenuta San Leonardo è un giardino di vigne e rose protetto dalle imponenti montagne trentine che smorzano i freddi venti nordici, mentre il fondovalle accoglie e regala il tepore del lago di Garda.

Da sempre Tenuta San Leonardo valorizza il proprio territorio nello stile dei grandi château francesi. Il luogo è affascinante, il cuore della Vallagarina. Una cantina modello, circa trenta ettari coltivati su terreni ricchi di ciottoli che furono il letto di una diramazione dell’Adige, sono state impiantate le vigne di Merlot mentre è prevalentemente un suolo sabbioso con pH neutro quello che tra i 150 ed i 250 metri s.l.m. accoglie Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e le antiche vigne di Carmenère.

(descrizione)

Tutti terreni a bassa fertilità e ben drenati da cui nascono uve che una volta divenute vino garantiscono una quantità di antociani davvero inusuale, e non solo per il Trentino. Talmente inusuale da fare di queste terre, un tempo chiamate Campi Sarni, una enclave del tutto unica.

L’etichetta, il San Leonardo, è uno dei più famosi e premiati tagli bordolesi della Penisola: vino di incredibile eleganza e longevità, nato nel 1982 e da allora prodotto solo nelle annate più importanti. In cantina, in una sorta di ideale continuità con Giacomo Tachis, dal 1999 la firma enologica è quella del celebre enologo Carlo Ferrini, che con attenzione e rigore fa da supervisore a tutti i passaggi produttivi. 

(descrizione)

Nell’antica cantina di fermentazione si trovano le vasche costruite esclusivamente in cemento. Qui i vini fermentano spontaneamente senza l’ausilio di alcuna tecnologia o di lieviti selezionati, utilizzando livelli di solforosa bassissimi, sotto l’attento sguardo dei nostri cantinieri che si tramandano il mestiere da generazioni.

La grande barriccaia sotterranea è stata edificata nel 2001 rispettando lo spirito e l’atmosfera dell’antico monastero di San Leonardo e può contenere fino a 1200 barriques dedicate all’affinamento dei vini rossi. Nell'antico refettorio risalente al 1500, completamente costruito a volto reale si trova la vecchia bottaia della tenuta con fusti in rovere di Slavonia da 60 ettolitri per l’affinamento dei vini.