Tenuta i Fauri

Tenuta i Fauri non è semplicemente il marchio di un’azienda: è prima di tutto una famiglia dedita da anni alla viticoltura. Ci troviamo nelle terre d’Abruzzo, dove si incontrano i circa trentacinque ettari vitati

su cui al momento l’azienda può contare, suddivisi in diversi appezzamenti situati nei territori dei comuni di Chieti, Francavilla al Mare, Villamagna e Ari. Tra i filari, a dominare sono le varietà vitate del montepulciano e del trebbiano, anche se non è difficile incontrare piante di pecorino e passerina.

(descrizione)

In vigna la conduzione è volta a ridurre al minimo indispensabile i trattamenti sistemici e i concimi chimici, al fine di rispettare al massimo la natura e l’ecosistema, per cui si arrivano a raccogliere uve schiette, concentrate e ricche in ogni sfumatura organolettica. Grappoli che in cantina sono lavorati sotto l’attenta supervisione enologica di Luigi Di Camillo, fratello di Valentina nonché figlio di Domenico. In fase di vinificazione i passaggi sono essenziali, le fermentazioni avvengono spontaneamente e senza lieviti aggiunti, e per l’invecchiamento sono usate vasche di acciaio e botti di cemento.

(descrizione)

Da tutto ciò nascono vini che non scendono a compromessi: senza fronzoli e ricchi di sostanza, puntuali e ben definiti, nonché precisi e rigorosi nell’interpretazione del varietale. Vini che, partendo dalla linea "Baldovino" fino ad arrivare al Pecorino, alla Passerina e agli Spumanti, passando per il Montepulciano "Ottobre Rosso" per il Rosato "Albarosa", si rivelano essere tra quelle che sono le migliori proposte provenienti dalle colline incastonate tra le montagne della Majella e la costa del Mar Adriatico.