San Michele Appiano

Da oltre un secolo la Cantina San Michele Appiano domina con il suo profilo elegante e signorile il cuore del più importante comune vitivinicolo dell'Alto Adige. I terreni che circondano la località alle porte di Bolzano, dove il vino è di casa da oltre 2000 anni, hanno caratteristiche ideali per la pro-duzione di grandi uve che poi vengono trasformate con cura dalla Cantina San Michele Appiano.

La Cantina San Michele Appiano è stata fondata nel 1907 e raccoglie, oggi, circa 340 famiglie di viti-coltori che ne costituiscono la spina dorsale. La viticoltura è per esse una grande passione tramanda-ta da generazioni. Ciascuna contribuisce con sapere, passione e dedizione ad assicurare che la canti-na disponga di uve eccellenti da trasformare e affinare con cura e sensibilità. In cantina avviene la trasformazione delle uve.

È questo un percorso di nobilitazione che nel rispet-to della tradizione si sposa qui con innovative tecniche di vinificazione. "Rispetto per l'uva" è la re-gola suprema e non c'è niente di più importante che fare attenzione alle particolarità dei singoli cru e delle diverse varietà, esaltandole. Uve eccellenti e pienamente mature sono il presupposto indi-spensabile per la produzione di vini di pregio.

Esse vengono vinificate rigorosamente separate per singolo cru, ossia vigneto, e per livello qualitativo. È infatti solo mediante la vinificazione indivi-duale che è possibile esaltarne ogni singolo terroir. Il vino viene poi affinato In acciaio o in fusti di legno fino a raggiungere la sua piena maturazione. "La qualità non ammette compromessi", a questo motto Hans Terzer, il winemaker della Cantina San Michele -– Appiano, è rimasto fedele negli anni.

Con passione, esperienza, coraggio e molta sensibilità Hans Terzer ha portato in pochi anni la Cantina San Michele - Appiano ai vertici dell'enologia italiana. Uno dei suoi grandi meriti è la poli-tica delle varietà, da lui i perseguita con convinzione negli ultimi 30 anni: "ogni varietà ha bisogno di una collocazione particolare in vigna e le rese devono essere improntate sulla qualità".