Fontana Candida

Fontana Candida, il nome di una cantina che è l’espressione più autentica e raffinata della tradizione vitivinicola del Lazio e di Roma, luoghi che coniugano eleganza millenaria ed energia, poesia e vitalità.

Qui, in terre di cultura e diletto, nascono vini famosi ed amati in tutto il mondo, primo fra tutti il Frascati. È da più di sessant'anni protagonista indiscussa della diffusione e del successo del Frascati in tutto il mondo. La sua missione prioritaria è da sempre la valorizzazione di questa denominazione, vero patrimonio vinicolo del territorio romano dalle grandi potenzialità qualitative, in parte ancora da esplorare. 

(descrizione)

La freschezza e la personalità dei vini di Fontana Candida, frutto di vigneti particolarmente vocati e competenze distintive, incarnano molto bene lo stile di vita e la ricchezza di storia e di tradizioni tipiche del territorio cui appartengono, conosciute ed apprezzate in tutto il mondo. 

La zona di produzione del vino DOC a Frascati comprende gli interi territori dei comuni di Frascati, Grottaferrata e Monte Porzio Catone e in parte dei comuni di Roma e Montecompatri. Fontana Candida possiede 25 ettari di vigneti, 13 dei quali sono costituiti dal Vigneto S.Teresa. Le colline su cui sorgono i vigneti, ad altitudine variabile fra 200 e 400 metri, sono di natura vulcanica.

(descrizione)

Il suolo è caratterizzato dalle "pozzolane", altrimenti dette "terrinelle"; situate nei punti più lontani dalle bocche di eruzione, sono costituite da ceneri vulcaniche, che hanno originato terreni sabbiosi profondi, molto permeabili all’acqua, ricchi di potassio, discretamente provvisti di fosforo, calcio, magnesio, ferro e microelementi, poveri di azoto.

I vitigni a frutto bianco da cui deriva il Frascati sono Malvasia Bianca di Candia, Malvasia del Lazio, Trebbiano Toscano, Greco (Trebbiano Giallo), Bombino Bianco e Bellone. Il Bombino e il Bellone, un tempo assai apprezzati, sono quasi in estinzione. La varietà prevalente è la Malvasia di Candia, seguono il Trebbiano Toscano e la Malvasia del Lazio.