Ripanero

È il sogno di tre amici, che nel 2014 si sono uniti per dare il via al progetto attualmente rispondente al nome di “Azienda Agricola Ripanero”. La condivisa volontà del massimo rispetto delle peculiarità del vitigno autoctono e di una produzione al naturale del vino Aglianico del Vulture, fa da filo conduttore delle scelte su cui si regge l'intera impalcatura aziendale.

Il desiderio comune è quello di offrire agli appassionati una serie di vini ricchi e complessi, ottenuti senza il ricorso alle comuni pratiche enologiche ma, al contrario, prodotti nel rigoroso e assoluto rispetto delle antiche tecniche di vinificazione, con devota attenzione alla qualità del prodotto finale.

(descrizione)

RIPANERO oggi può contare su circa 4 ettari di vigneti, tutti in piena zona vulcanica, ubicati nelle zone d’elezione del vitigno Aglianico del Vulture, alle pendici del Monte Vulture in Basilicata, un territorio di assoluto pregio naturalistico e agricolo.

Siamo esattamente nel territorio del comune di Ripacandida, a circa 500 metri di altitudine sul livello del mare: qui, i vigneti della cantina Ripanero sono curati maniacalmente e condotti rispettando al massimo ambiente ed ecosistema, così da arrivare a raccogliere uve di estrema eccellenza.

(descrizione)

Grappoli che arrivano in cantina solamente dopo una rigida e rigorosa selezione, per poi essere trasformati secondo passaggi produttivi che ne esaltano ogni minima sfumatura.

Dalla vigna sino all’imbottigliamento finale, attualmente, tutti gli sforzi sono riuniti nel solo nome del “sanZavino”, Aglianico in purezza nonché primo rosso prodotto da Ripanero. Un’etichetta che nasce da rese per ettaro bassissime, che è figlia di un’attenta lavorazione.