Alois

Storia e leggenda si incontrano nella lunga genealogia della famiglia Alois, discendente del letterato napoletano Gian Francesco Alois e impegnata nel commercio tessile fin dai tempi di Ferdinando IV di Borbone a Caserta. L'importante avventura vitivinicola nasce nel 1992 Michele con l'acquisto di alcuni ettari di vigneto sulle pendici dei Monti Caiatini.

Tradizione e innovazione sono il must della famiglia Alois per la valorizzazione dei vitigni tipici del casertano: non solo Falanghina, Aglianico e Greco di Tufo ma anche Pallagrello Nero, Pallagrello Bianco e Casavecchia.

Oggi i vigneti degli Alois si dividono in tre diversi appezzamenti in località Audelino, Morrone della Monica e Cesone, circondati da colline e non lontani dal vulcano di Roccamonfina e dal Massiccio del Matese. I vini della cantina Alois nascono da monovitigni autoctoni, raccontano il fascino di un terroritorio unico al mondo.