La lenticchia di Altamura IGP

La lenticchia di Altamura IGP

La lenticchia di Altamura IGP si caratterizza per essere apprezzata all'estero e per la sua ricchezza di antiossidanti, ferro e magnesio.

Le caratteristiche

(descrizione)

La lenticchia di Altamura IGP si caratterizza, oltre che per la sua grandezza, anche per il suo colore verde in quanto raccolta poco prima della sua completa maturazione. Il sapore è leggermente più dolce rispetto alle altre lenticchie, con leggeri sentori di erbe e aromi. Ricca di ferro e carboidrati, è facilmente digeribile grazie alla grande quantità di fibre presenti.

La storia

(descrizione)

La lenticchia di Altamura IGP è senza dubbio una coltivazione molto antica che nel tempo ha prodotto il migliore legume del mondo. Una produzione che ha conosciuto i suoi anni più bui intorno il 1960-1970 quando la coltivazione della lenticchia lasciò il passo a quella del grano duro. Grazie al lavoro di alcuni agricoltori oggi, la lenticchia di Altamura IGP si è ripresa il suo posto tra i prodotti dell'eccellenza italiana ed ha ottenuto il marchio IGP a conferma della sua qualità.

La produzione

(descrizione)

La lenticchia di Altamura IGP si coltiva su terreni adatti ad ospitare solo quella cultiva di leguminose. La semina si effettua da Novembre a Marzo a seconda delle tipologie di territorio sulle quali questa avviene. Sono ammessi antiparassitari naturali e secondo la normativa vigente. La raccolta deve avvenire attraverso le seguenti operazioni: disinfestazione, pulitura da materiali estranei, spietratura, lettura ottica per selezionare solo i tipi conformi (per colore e forma). E infine imballaggio dentro sacchi rivestiti con materiali idonei alla conservazioni di alimenti o all'interno di silos per evitare la contaminazione parassitaria.

L'utilizzo in cucina

(descrizione)

La lenticchia di Altamura IGP si conserva in luoghi freschi e asciutti. Sono un alimento ricco di fibre sali minerali e ferro, inoltre sono povere di grassi e richche di fibre. Contengono preziosi antiossidanti e isoflavoni, sostanze che “puliscono” l’organismo. Ottime consumate da sole, cotte in pentola con pomodoro, cipolla, aglio, alloro, carota, sedano e sale.