L'uva da tavola di Mazzarrone IGP

L'Uva da Tavola di Mazzarrone IGP

L'uva da tavola di Mazzarrone IGP si conserva a lungo, sotto i teli, fino a dicembre grazie all'assenza di piogge e nebbia durante l'anno.

Le caratteristiche

(descrizione)

L'uva da tavola di Mazzarrone IGP ha una buccia esente da difetti, il sapore è dolce e gustoso. Il grappolo deve pesare tra i 350 e i 450 grammi. Si divide in 3 diverse tipologie: l’uva nera presenta un grappolo di forma piramidale di colore nero-blu intenso, vellutato con riflessi perlacei. L’uva rossa si caratterizza per la forma conica o tronco-conica del grappolo e la buccia dell’acino di colore rosso-palissandro, blu-rosso. L’uva bianca, infine, presenta grappolo di forma conicopiramidale, gli acini hanno buccia di colore dal bianco-crema al giallo dorato.

La storia

(descrizione)

L'uva da tavola di Mazzarrone IGP si pensa sia stata coltivata per la prima volta tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900, come testimoniano alcuni atti pubblici di compravendita stipulati proprio in quel periodo. Nel XIX secolo la produzione di uva da tavola rappresenta il 5% della produzione viticola siciliana. Oggi, quest'uva ricopre un ruolo di prim’ordine nell’economia agricola locale, essendo riuscita a varcare i confini nazionali raggiungendo i più importanti mercati d’Europa, e non solo.

La produzione

(descrizione)

L'uva da tavola di Mazzarrone IGP si sviluppa su vigneti in perfetto equilibrio tra areazione e soleggiamento. Per gli impianti bisogna assicurarsi che il terreno sia stato lasciato a riposare (senza colture precedenti) per almeno due anni, e che ci sia la totale assenza di batteri potenzialmente dannosi. La forma di allevamento tradizionale è il "tendone". I vigneti possono essere coperti con materiali idonei per favorire la maturazione anticipata o per posticipare la raccolta, che va da giugno a dicembre, a seconda della varietà.

L'utilizzo in cucina

(descrizione)

L'uva da tavola di Mazzarrone IGP si conserva anche per un mese in ambienti freschi e senza troppa umidità. Per sfruttare a pieno le proprietà benefiche di questo frutto è bene consumarlo fresco. Per il suo gusto e la sua dolcezza è spesso utilizzata per dolci, marmellate, sorbetti e succhi. È inoltre impiegata in cosmesi, poiché il suo succo ha proprietà emollienti e schiarenti.