Il panforte di Siena IGP

Il panforte di Siena IGP

Il panforte di Siena IGP si caratterizza per il suo gusto fortemente orientato dalla grande quantità di spezie che troviamo nell'impasto.

Le caratteristiche

(descrizione)

Il panforte di Siena IGP può avere una forma rotonda o quadrata, con uno spessore di 1 cm e mezzo circa, dal peso che va dai 66 grammi ai 6 kg. Può essere bianco ricoperto di zucchero, a velo o nero. Al taglio l'impasto risulta morbido, di sapore intenso, grazie alle spezie con il quale si fa l'impasto nelle versione nera e, meno intenso nella versione bianca.

La storia

(descrizione)

Il panforte di Siena IGP è un prodotto molto antico risalente all'anno 1000 quando era conosciuto come pane natalizio, pane aromatico o pan pepato. La preparazione era riservata solo agli specializzati dell'epoca, ed era un prodotto destinato solo alle tavole dei nobili. La versione bianca, chiamata e venduta anche con il nome di "Panforte Margherita", nasce quando la Regina di Savoia Margherita andò a Sienam, dove gli venne dedicato un pan pepato più delicato senza melone e con zucchero vanigliato anziche pepe nero.

La produzione

(descrizione)

Il panforte di Siena IGP viene realizzato con alcuni ingredienti che sono obbligatori sia nel tipo bianco che in quello nero, e sono: la farina del tipo "0", la frutta secca (mandorle dolci intere e non pelate), quella candita (cedro e scorze di arancia, per il Bianco; melone per il Nero), lo zucchero, il miele e le spezie (noce moscata e cannella), ostie di amido che vanno a costituire la base. Sono assolutamente vietati conservanti e additivi. Gli ingredienti vengono miscelati e l’impasto ottenuto viene porzionato e pesato. Infine cotto in forno a 200-230°C per 13-45 minuti a seconda della pezzatura.

L'utilizzo in cucina

(descrizione)

Il panforte di Siena IGP si conserva molto a lungo in luoghi freschi e asciutti. Dolce tipico della tradizione natalizia, oggi viene consumato tutto l'anno e pian piano sta entrando come ingrediente, all'interno di alcune ricette regionali creative e innovative.