Il fico bianco del Cilento DOP

Il fico bianco del Cilento DOP

Il fico bianco del Cilento DOP viene prodotto solo ed esclusivamente nel Cilento dalle piccole e tantissime aziende agricole che tramandano la coltivazione del fico alle generazioni future.

Le caratteristiche

(descrizione)

Il fico bianco del Cilento DOP è piriforme. Il colore senza buccia è bianco, con la buccia, va dal verde al giallo a seconda della maturazione. Il sapore è estremamente dolce, smielato, la polpa è fine con presenza di semi croccanti.

La storia

(descrizione)

Il fico bianco del Cilento DOP viene introdotto, in queste zone, ai tempi della Magna Grecia intorno al VI sec a.C.. Da sempre è stato un'ottima fonte di sostentamento per i lavoratori e i contadini del luogo. Per la sua bontà già dal 1400 circa veniva prodotto ed esportato per essere presente sulle migliori tavole italiane.

La produzione

(descrizione)

Il fico bianco del cilento DOP viene coltivato in diversi modi: "a vaso libero", "cespugliato" o "a siepe". Il fico destinato all'essiccazione con buccia devono essere raccolti ben maturi, quelli destinati ad essiccazione senza buccia devono essere presi a maturazione ancora non completa. L'essiccazione avviene al sole o sotto speciali strutture in plastica o vetro, per aumentare la temperatura. I fichi raccolti possono anche essere farciti con mandorle e frutta secca, basta che il ripieno non superi per il 10% del frutto stesso.

L'utilizzo in cucina

(descrizione)

Il fico bianco del cilento DOP si conserva senza problemi a lungo, anche se è preferibile tenerli in un luogo asciutto e fresco. Per il loro sapore dolce è utilizzato in molte ricette del luogo soprattutto in pasticceria. Sono ottimi consumati da soli anche immersi nel rhum, nel cioccolato o come frutta sciroppata.