La dieta al bar o al ristorante: i trucchi per restare in forma

Il meglio, quando si sta cercando di tornare in linea, sarebbe mangiare in casa, in modo da tenere sotto stretto controllo le quantità e le qualità dei piatti che si consumano. Ma questo non è sempre possibile: per chi lavora è d’obbligo pranzare al bar o alla mensa. E, d’altra parte, è anche avvilente chiudersi tra le quattro mura domestiche e rinunciare a una serata fuori con gli amici. Ma, con qualche accorgimento e imparando a scegliere in modo furbo, si può mangiare fuori senza correre rischi. Vediamo come.

Al bar: siediti a un tavolino e consuma il pranzo in tutta calma, masticando lentamente e concedendoti mezz’ora di relax. Opta per un piatto di bresaola con rucola e scaglie di grana, senza l’aggiunta di olio. Accompagnalo da un panino e concludi il pranzo con una macedonia di frutta. In alternativa, ok a un’insalatona con uova e tonno o formaggio o gamberetti, accompagnata sempre da un panino e un frutto fresco.

In mensa: la vasta scelta di piatti è una tentazione a cui è difficile resistere. E così si finisce per riempire il vassoio. Resisti! Punta su un primo piatto tipo riso con olio e grana oppure pasta al sugo di pomodoro, seguito da un piatto di verdure e un frutto. Oppure opta per un secondo piatto di carne o pesce alla griglia, con un panino e un’insalata o un piatto di verdure cotte.

Alla scrivania: sei in un periodo infernale e non riesci mai a staccare per la pausa pranzo? Portati il pasto da casa: insalata di riso o di pasta(50 gr)  con 2 cucchiaini d’olio extravergine di oliva, 40 gr di formaggio e sottaceti oppure piselli e mais.  Completa il pasto con pezzi di verdure pulite e lavate tipo sedano, carote e un frutto. Via libera anche a un’insalata di pollo con 100 gr di carne lessata e tagliata a dadini, verdure crude e olio d’oliva.

Al ristorante: evita di farti attrarre dalla ricca lista del menu, che offre lasagne, pasta alla carbonara, fritti di pesce. Come? Ecco come “pescare” i piatti migliori, più leggeri e con pochi grassi, nella lista del menu.
Antipasti. Sì a un piatto di verdure miste alla griglia oppure un piattino di prosciutto crudo o un’insalata di mare.
Primi Piatti. Se hai già preso l’antipasto, salta il primo. Altrimenti punta su un piatto di spaghetti con pomodoro fresco o un risotto alla marinara.
Secondi Piatti. Sì a costata, pesce alla griglia o a un piatto di arrosti.
Dessert. Sarebbe meglio evitarlo, ma se proprio non resisti punta ad una macedonia di frutta con pallina di gelato o un sorbetto.

In pizzeria: in realtà, la pizza è un alimento equilibrato, completo di tutti i principali nutrienti e, tutto sommato, con un apporto calorico connesso anche a chi è a dieta. Ma con qualche avvertenza… Scegli una margherita o un’ortolana, o con frutti di mare o napoletana: non superano le 500-550 calorie. Evita le varianti troppo ricche, come i quattro formaggi ì, doppia mozzarella, quattro stagioni, in cui le calorie possono arrivare addirittura a 700.