Fitness in palestra: un dolce rientro

A settembre non c’è solamente il rientro dalle tanto amate vacanze, ma si riprende anche quel sano fitness che abbiamo un po’ tralasciato nei mesi estivi.

È normale che in estate l’idea di fare fitness chiusi in palestra non è sempre così allettante, preferendo gli sport all’aperto o, meglio ancora, in acqua.

Per i più pigri, invece, che hanno fatto una lunga pausa estiva, è il caso di ricominciare un passo alla volta. A tal proposito, settembre è proprio il mese giusto per tornare ad allenarsi. Ma da dove iniziare? Certo le offerte del fitness sono molte e variegate ma l’importante è iniziare in modo soft, magari con una semplice corsa nel parco al tramonto.

Fare jogging, però, non sempre è uno sport così stimolante e molti potrebbero trovarlo anche noioso. Ecco perché abbiamo voluto stilare una breve lista di consigli da seguire per affrontare nel modo migliore la vostra corsa.
Vediamo quali sono.

1. Ricordate da dove siete partiti.
Se avete iniziato già da qualche tempo a correre e pensate di non aver fatto nessun passo avanti, provate a ricordare da dove siete partiti la prima volta e quali traguardi avete raggiunto. Sicuramente anche solo con l’allenamento di qualche giorno sarete riusciti a fare un passo avanti, guadagnando in velocità e bruciando più calorie.

2. Portate con voi un “sostegno”.
Cosa significa? Semplice, per vivere la corsa in un modo più leggero e spensierato, avete bisogno di un supporto. Certo un amico sarebbe l’ideale, ma non sempre si hanno gli stessi orari o abitudini. È per questo che in soccorso arriva la tecnologia di un ipod, mp3 e quant’altro. Ascoltare musica mentre si corre aiuta sia a gestire la durata della corsa che a stimolare il vostro ritmo. Naturalmente meglio scegliere una musica adatta se volete evitare di fermarvi su una panchina a rilassarvi con delle melodie lounge.

3. Correre contro il tempo.
Correre con un orologio al polso aiuta a tenere i battiti del vostro tempo. Provate a correre un paio di giri nel parco calcolando il tempo che impiegate a fare il primo. Tenendo conto di questo tempo, sfidate voi stessi, e provate a correre più veloci nel secondo. È un trucchetto che spesso funziona per stimolare la corsa e non annoiarvi troppo se correte sempre nella stessa zona.      

4. Siate gentili con voi stessi.
È naturale cercare di dare il meglio di sé correndo più veloci o raggiungendo tempi da record. Ma non stressate troppo il vostro fisico, perché potreste ottenere solamente i risultati opposti. Se il cervello inizierà ad associare alla corsa sentimenti di spossatezza, sfinitezza e angoscia, è difficile che tornerete a correre, e ogni vostra buona motivazione tenderà a scomparire.

5. Cercate l’ispirazione.
Prendete sul serio lo jogging e assistete ad una vera corsa. Questo vi darà un’idea di cosa aspettarvi se deciderete mai di affrontare una gara. Vedere la folla impazzare e fare il tifo, per non parlare del divertimento che gli sportivi ci guadagnano (soprattutto nell’arrivare al traguardo), potrebbe portarvi direttamente alla linea di partenza per una piacevole maratona.

A questo punto tutto quello che vi resta da fare è uscire di casa e correre, correre, correre.

Se poi avete bisogno di fare uno stuzzichino prima di una bella gara o corsa nel parco leggete i brevi consigli che vi suggeriamo in questo articolo:

Uno snack prima di correre: quale scegliere?


Leggi anche:

Più tonica a ritmo di Zumba

I Cinque Tibetani alla conquista della giovinezza

Budokon: la disciplina del futuro