A dieta con il mood food

Di solito dieta e buonumore non vanno d’accordo perché spesso con una dieta siamo costretti a seguire un rigido regime dietetico in cui nessuna goloseria è concessa. E si sa, a volte sono delle vere e proprie consolazioni. Ma una delle ultime novità in tema diete è il cosiddetto “mood food”, ovvero quel cibo che riesce a tenere a bada lo stress stimolando l’ormone del buonumore.
Scopriamo nel particolare quali sono gli alimenti giusti che permettono di affrontare una dieta col sorriso.

Fate scorta di acido folico e vitamina B12, ossia la vitamina dell’energia, contenuta nel pollo, salmone, fagioli, lenticchie, broccoli, manzo e fegato. Il fegato, soprattutto, proprio perché ricco di vitamina B12 previene eventuali sbalzi d’umore controllando il sistema nervoso. 

Ci sono, poi, tutti quegli alimenti ricchi di selenio, un importante antiossidante utilissimo per fronteggiare lo stress ossidativo, causa di depressioni stagionali. La dose perfetta è di 55 microgrammi al giorno ed è possibile riceverla da legumi, carni magre, noci, semi, latte e derivati, frutti di mare ma anche pesce ad alto contenuto di omega 3 come il salmone o le sardine.

La frutta è al primo posto anche in questo caso. Ma non tutta è adatta a stimolare l’ormone del buonumore. L’uva (ricca di antiossidanti) e le banane (che contengono vitamina B6 e l’ormone del piacere) sono i frutti che fanno al caso nostro. Non tralasciate, poi, un consumo giornaliero di agrumi come kiwi, arance e limoni che, oltre a far sorridere sono fonte di vitamina C.

Infine, è bene menzionare la vitamina D, sintetizzata e regolarizzata nel nostro organismo anche dai raggi solari. Ecco perché quando ci esponiamo al sole riusciamo a ritrovare più facilmente il buonumore. A livello nutrizionale, purtroppo non esistono molti alimenti ricchi di vitamina D, se non il pesce grasso, il rosso d’uovo, formaggio e fegato di manzo. E non dimentichiamo il fatidico cioccolato fondente che, grazie ad alcuni suoi componenti (caffeina, feniletilamina e teobromina) è in grado, come pochi alimenti, di risollevare in davvero poco tempo il nostro cattivo umore.

Numerose ricerche a proposito sono state portate avanti anche dal dottor Salvatore Ripa, endocrinologo e medico chirurgo. Il dottor Ripa ha trovato il modo per stimolare anche la serotonina, detta “ormone del buonumore” proprio perché ha un’azione positiva sull’umore.  

La serotonina, infatti, aiuta a conciliare il sonno dando il giusto riposo al nostro organismo, regola la temperatura corporeail consumo degli zuccherimigliora la concentrazione e il buonumore riducendo gli stati di aggressività e di angustia.

Cosa fare per risvegliare la serotonina del nostro organismo? Semplice, cerchiamo di mangiare tutti quegli alimenti ricchi di vitamina B, quali cereali, lattuga, broccoli, spinaci, avocado, prugne, agrumi, ma anche latte, legumi, orzo, pomodori, carote e patate, banane, arachidi, ananas, kiwi e melanzane.

Chi l’avrebbe mai detto che si può ritrovare il sorriso addirittura con una dieta? Non sono le tipiche leggende metropolitane o il solito “per sentito dire”. Ma sono il risultato di studi e ricerche scientifiche con cui ritroviamo il buonumore semplicemente alla sola idea di mettersi a dieta.

Leggi anche:

10 alimenti detox: via alla disintossicazione

Dieta 5-Factor: una trovata da vip!

Cellulite in vista? Scoprite i cibi che la combattono