alice lifestyle leonardo marcopolo

Spesso nella preparazione dei dolci vengono impiegati degli ingredienti fondamentali che danno gusto e particolarità al dessert: gli spiriti dolci o il vino. In realtà quando si parla di spiriti dolci s’intendono tutti quegli alcolici che vengono utilizzati come ingredienti veri e propri per la preparazione dei dolci. Ma diventa importantissimo anche l’abbinamento di un vino piuttosto che un altro al dessert.

Non sono poche, infatti, le difficoltà che si incontrano nell’abbinare il vino giusto ad ogni pietanza, soprattutto quando si parla di dolci.
Di solito, se si vuole andare sul sicuro, si punta sulla regola del contrasto, giocando con i quattro gusti principali: dolce, amaro, salato, acido. Ma con i dolci l’accostamento è sempre con vini dolci o, al massimo, amabili.

Di seguito vi forniamo un piccolo prontuario di abbinamenti, utile nella maggior parte delle situazioni.

Spiriti e i vini dolci da abbinare ai dessert

vino

Iniziamo dai classici…

Moscato, Passito, Malvasia

passito

Sono tre vini che vanno bene con dolci al cucchiaio (bavaresi, semifreddi, mousse). La loro dolcezza media e il giusto grado alcolico vanno a bilanciare gli eccessi di zucchero e grassi contenuti in questi tre dessert.

In particolare, i vini liquorosi e i passiti si sposano alla perfezione con la piccola pasticceria e con quelle preparazioni a base di pasta frolla.

Vini dolci e molto alcolici

honore

 

A differenza dei vini dolci con basso tenore alcolico, questa tipologia di vini come il Recioto o il Muscat, si adattano bene a torte cremose, come una Saint Honorè o una millefoglie.

Vini bianchi amabili e delicati

foto vino bianco

I bianchi amabili e molto delicati sono vini indicati per torte e dessert a base di frutta. In questo modo il gusto leggero della frutta non verrà coperto da quello del vino.

Vini liquorosi: Porto, Sherry, Marsala

Ricetta torta al cioccolato al microonde

 

I vini liquorosi si accostano molto bene al cioccolato, ma possono anche essere considerati dolci distillati invecchiati, come rum, cognac, Grand Marnier o Armagnac. L’importante è il loro gusto marcato, in grado di competere con la nota aromatica coprente del cioccolato.

Spumanti

foto spumante

L’effervescenza degli spumanti li rende ottimi per i dolci fritti, poiché la loro effervescenza “sgrassa” le papille gustative. Gli spumanti, inoltre, vengono scelti anche per i gelati, grazie alla loro freschezza ed effervescenza.

Spiriti e vini dolci impiegati nei dessert

vini-dolci

Come dimenticare, poi, quei liquori utilizzati in cucina per aromatizzare i dolci, al punto che oggi vengono utilizzati quasi esclusivamente per cucinare.

Spiriti dolci: alchermes

pesche-dolci-ripiene

L’alchermes è un liquore rosso intenso, preparato con acqua di rose, scorza di arancia e molte spezie, tra cui vaniglia, cardamomo, cannella, chiodi di garofano e anice stellato. Il colore dell’alchermes pare derivi ancora oggi dal colorante ricavato dalla polvere del guscio di una coccinella.

Spiriti dolci: maraschino

foto gelato alla macedonia di frutta

Di origine dalmata, il maraschino si ricava da un particolare tipo di marasche. Ha un colorazione trasparente ed è molto aromatico; ideale per correggere macedonie di frutta e gelati.

Spiriti dolci: limoncello, liquore alla liquirizia, Strega e Amaretto di Saronno

limoncello

Per creme a base di agrumi è particolarmente indicato il limoncello o la crema di limoncello. Per dolci con liquirizia, invece, potete rafforzare il suo gusto con un liquore alla liquirizia; così come per dolci al cioccolato o al liquore potete utilizzare un liquore al caffè o una crema al whisky.

Il liquore Strega, invece, è ottimo per tutti i dolci lievitati e i pan di Spagna. Per dolci di pasta alle mandorle (come la torta russa) e per gli amaretti, è molto indicato l’Amaretto di Saronno.

Spiriti e vini dolci: come usarli in cucina ultima modifica: 2015-09-29T17:45:56+00:00 da alicecoccia