alice lifestyle leonardo marcopolo

È possibile pensare a un menu per il pranzo di Natale low cost? Si può cercare di organizzare un pranzo che non deluda le aspettative di nessuno, ma che non ci costi un capitale?

Il pranzo di Natale è un’occasione davvero speciale, ma questo non significa che non si possa apparecchiare una bella tavola festosa e servire ai nostri ospiti un menu low cost (senza escludere il pesce) facendo comunque un figurone.

L’importante è aguzzare un pò l’ingegno e darci un pò da fare in cucina, attività nelle quali sono maestre le nostre amiche food blogger.
Ci è sembrato naturale quindi chiedere proprio a loro, che conoscono prezzi e prodotti, che sono maestre nel fare la spesa al mercato e nell’arte di far quadrare i conti in famiglia, di aiutarci a comporre un menu completo per un pranzo di Natale low cost. E questo che vi proproniamo è il risultato..

Pranzo di Natale low cost – Antipasti

Gli antipasti rappresentano un pò il “biglietto da visita” del vostro pranzo di Natale: devono essere golosi ma non pesanti. Devono aprire le danze, ma non saziare i commensali.
L’idea vincente è portarne in tavola più di un tipo, in piccole porzioni, in modo da permettere agli ospiti di assaggiare più piatti diversi o di scegliere quello che più si avvicina ai propri gusti.
Un consiglio: scegliete sempre antipasti che si possano preparare con qualche ora di anticipo, in modo da potervi dedicare all’accoglienza degli ospiti e servirli subito dopo esservi accomodati intorno al tavolo, magari mentre in forno si ultima la cottura del primo piatto.
Abbiamo scelto tra le proposte dei nostri food blogger due antipasti sfiziosi ma al tempo stesso economici

Pranzo di Natale, l’antipasto di Paola Uberti

È la nostra amica blogger Paola Uberti (“Slelly ai formelli”) l’autrice del primo dei due antipasti low cost per aprire in bellezza il pranzo di Natale : crocchette al forno di patate e porri.
Le patate sono sempre un successo, comunque le si porti in tavola. Senza considerare che sono generalmente abbordabili e si prestano a tantissime preparazioni diverse. In questo caso sono presentate sotto forma di crocchette, ma non fritte, un pò come i rösti. L’abbinamento con il porro le rende saporite al punto giusto.
Se avete un pò più di tempo e delle formine da biscotti potete divertirvi a dare alle crocchette forme diverse prima di infornarle.

Crocchette al forno di patate e porri

Pranzo di Natale, l’antipasto di Paola Langella

La nostra amica blogger napoletana Paola Langella (“Magie ai fornelli”) ci ha dato un’altra idea carina per l’antipasto: le madelaine salate con olive e pomodori secchi.
Anche in questo caso di tratta di una ricetta decisamente economica, resa particolarmente raffinata dalla presentazione. Quello di cui dovrete munirvi è uno stampo da madelaine, che non sarà difficile trovare in un negozio di casalinghi ben fornito (scegliete quelli in silicone: sono pratici, facili da pulire e permettono di sformare le madelaine in modo molto semplice)
Lo scrittore francese Marcel Proust ha reso celebre la variante dolce di questi pasticcini, che inzuppava nel tè. Voi potreste servire queste madelaine salate con una tazzina di salsa al formaggio, per riprodurre idealmente il rituale di un tè con i biscotti.

Madelaine salate

Pranzo di Natale low cost – Primo piatto

Per il primo piatto di questo menu di Natale low cost non volevamo rinunciare al pesce. Ci è piaciuta molto questa proposta della nostra amica blogger Patrizia Di Fraia (“La cena quasi perfetta”): la pasta con fagioli e cozze.
Anche in questo caso, si tratta di una ricetta ottima ed economica. Patrizia ha utilizzato la pasta secca (diversi formati), ma voi potreste renderla ancora più speciale facendo la pasta in casa (il che accelererà anche la cottura e vi permetterà di dedicarvi ai vostri ospiti).
L’abbinamento dei legumi con molluschi e crostacei è vincente (basti pensare alle vellutate di ceci con gamberi, o di cannellini con i calamari), provare per credere!

Pasta fagioli e cozze

Pranzo di Natale low cost – Secondo piatto

Anche se abbiamo optato per un menu low cost, non abbiamo voluto rinunciare al pesce. Non serve necessariamente orientarsi verso pesci costosi, come il tonno, il salmone o il pesce spada. Ci sono dei pesci come lo spatola, spesso sottovalutati, ma davvero squisiti e decisamente più economici.
Per questo abbiamo colto al volo la ricetta proposta da Francesca Pietramale (“Lemon food”): involtino di pesce spatola al forno.
Oltre ad essere economico, il pesce spatola (che rientra nella famiglia del pesce azzurro) è ricco di omega 3 e ha una carne tenera e saporita. Inoltre, la cottura di questi involtini richiede soltanto 15 minuti. Potete prepararli prima e infornarli poco prima di portarli a tavola.

Involtini di pesce spatola

Pranzo di Natale low cost – Contorno

E dove c’è il pesce, le patate non sono mai fuori posto. Quello che vi proponiamo è più che un semplice contorno e non va servito insieme al secondo, ma preferibilmente immediatamente dopo.
I nostri amici food blogger Marco e Patrizia (“Niente dieta da domani”) non hanno certamente speso tanto per preparare il loro gateau di patate monoporzione (dunque si meritano a pieno titolo un posto  in questo menu low cost), però la loro ricetta non sfigura affatto sulla tavola del pranzo di Natale.
La presentazione in porzioni singole rende il gateau particolarmente elegante e le decorazioni con le cialde di parmigiano sono “quel piccolo dettaglio in più”.
Se volete rendere il piatto un pò più leggero, eliminate dagli ingredienti la porchetta e riducete il quantitativo di formaggio: le altre ricche portate avranno già messo a dura prova i vostri ospiti.

Mini sformatini di patate

Pranzo di Natale low cost – Dessert

Il menu, seppure low cost, è stato fin qui decisamente saporito e sostanzioso. Non è il caso di appesantirlo oltre con dolci impegnativi come un profiterole, un tiramisù o una torta mont blac. Meglio concluderlo con un dolce al cucchiaio fresco, leggero e anche gluten free come il  gelè al mandarino proposto dalla nostra amica food blogger siciliana Franca Savà (“Cannella e gelsomino”), che ha riassunto in questo piatto tutto l’amore per i prodotti della sua terra: gli agrumi (che sono anche considerati di buon auspicio) e il pistacchio di Bronte (che ha ridotto in granella e usato per decorare)

Gelatina al mandarino Una delicata gelè al mandarino, un fine pasto perfetto per le feste.

Se abbiamo fatto bene i conti, per questo pranzo di Natale ricco e goloso non dovreste spendere più di 6-8 € a commensale (bevande escluse), con piccole oscillazioni a seconda della zona d’Italia nella quale vi trovate.
Una cifra decisamente abbordabile, cosa che dimostra come il Natale possa essere veramente alla portata di tutti e che il vero spirito di questa festa si debba ricercare nella gioia di stare insieme e di condividere la convivialità di una tavola allegra e di buon cibo genuino.

Pranzo di Natale low cost? Ci pensano i nostri food blogger! ultima modifica: 2014-12-11T20:47:31+00:00 da