alice lifestyle leonardo marcopolo

Il fagiolo è coltivato per semi, raccolti freschi o secchi,oppure raccolti per l’intero legume ( detto fagiolino) ed è una verdura che fa parte della storia dell’uomo ed entra nell’alimentazione in modo così massiccio da farlo definire ‘la carne dei poveri’. Un etto di fagioli secchi vale, dal punto di vista nutrizionale, quasi come una bistecca di due etti, in quanto fornisce all’organismo la stessa quantità di calorie. I fagioli hanno infatti moltissime proprietà benefiche per l’organismo.

Il fagiolo più comune è il Borlotto caratterizzato da un sapore più intenso rispetto agli altri, perfetto per le minestre e i passati; il Bianco di Spagna è più delicato, adatto per la preparazione in umido e per le insalate; il Cannellino, molto pregiato, adatto per essere essiccato o per essere conservato in scatola.Tra i migliori, quelli di Lamon, di Vigevano, di Rimini e lo scozzese (di colore bianco con macchie viola).

Proteine, amidi e zuccheri, pochi grassi, tanta vitamina B, ma soprattutto fibre (è l’alimento più ricco assieme alle altre leguminose), insomma questo alimento garantisce un’alimentazione corretta in quanto completo ed è utilissimo nelle diete povere di grassi poiché contiene grassi insaturi, e perché privo di colesterolo.

Quando l’acquistate: controllate che il baccello sia integro, croccante, senza muffe o macchie. Una volta sgranati anche i semi devono essere sodi e privi di macchie.

Le ricette con i fagioli

Fagioli di Spagna alla zingara
Pasta e fagioli alla pescatora
Insalatina fredda di trippa con cipolle e fagioli

Fagioli, la carne dei poveri ultima modifica: 2009-04-16T12:58:07+00:00 da