alice lifestyle leonardo marcopolo

Come fare il pane in casa

Fare il pane in casa non è difficile, basta avere una buona ricetta e gli ingredienti giusti per sapersi muovere correttamente. Iniziamo proprio dagli ingredienti necessari per preparare un buon pane fatto in casa:

500 g farina
200 g acqua
15 g lievito di birra
sale q.b.
olio extravergine d’oliva q.b.

Fate attenzione alla temperatura dell’acqua, che deve essere di circa 27 gradi, adatta al lievito; l’acqua non deve essere mai né troppo fredda né troppo calda, per non rovinare il lievito.

Farine: possiamo optare per uno sfarinato di grano duro perché ha un’alta percentuale di cenere (come residuo), che dà un aspetto “antico” e grezzo al pane casereccio, proprio come quando erano le nostre nonne a farlo.

Preparazione del pane

Per prima cosa versiamo l’acqua nel recipiente adatto (come potete vedere nella prima foto); a seguire versiamo il lievito e sciogliamolo mescolandolo all’acqua. Il procedimento iniziale è sempre questo, anche se al posto dell’acqua avessimo del latte. Una volta sciolto il lievito, procediamo ad incorporare gradualmente il nostro sfarinato e mescoliamo con le mani, come abbiamo precedentemente fatto con il lievito. Per quanto riguarda la farina, possiamo anche aggiungere una percentuale di tipo 00, quella più comune e di facile reperibilità. Su 500 g di farina possiamo utilizzarne 300 di sfarinato e 200 di tipo 00.

Il ‘casereccio’ è un tipo di pane più difficile da preparare, perché richiede molta manualità e pazienza, ma soprattutto pratica. Le prime volte possiamo non ottenere dei risultati soddisfacenti, ma con il tempo possiamo migliorare la tecnica di impasto.

Dopo aver lavorato manualmente il lievito, l’acqua e la farina, bagniamo l’impasto con un po’ di olio e solo alla fine aggiungiamo il sale. È importante osservare i tempi di aggiunta del sale, perché se lo mettiamo all’inizio, il lievito non ha modo di incorporare la farina a danno dei risultati finali. Dopo aver aggiunto il sale, terminiamo la lavorazione del pane sul “tavolo di lavoro” per avere più spazio e impastarlo meglio. Se l’impasto è troppo umido, aggiungiamo un po’ di farina per renderlo più asciutto.

Ci accorgiamo che l’impasto del pane è pronto, quando è asciutto e non lascia traccia sulle nostre mani. Mettiamo ora il nostro pane a lievitare: oliamo una pirofila o qualsiasi supporto per appoggiare l’impasto, riponiamolo sopra la base di olio e ricopriamolo con una pellicola.

La temperatura ideale di lievitazione è sempre intorno ai 30 gradi. Lasciamo riposare il pane per almeno due ore e mezza, fino a lievitazione avvenuta. Successivamente spostiamo la forma di pane su una teglia e facciamogli il classico ‘taglio a croce’ per permettere al pane di avere la cosiddetta esplosione nella sua lievitazione. Inforniamo il pane ad una temperatura di 225 gradi per 50 minuti. E il pane è cotto!

Il consiglio: Possiamo conservare il pane su un tagliere, adagiando la parte tagliata rivolta verso il legno e ricoprire tutto con un panno di cotone (anche un normalissimo tovagliolo da tavola). Oppure possiamo utilizzare una comune pellicola da cucina per rivestire la nostra forma di pane. Il pane andrebbe poi tenuto in un luogo asciutto e fresco.

Altre ricette di pane fatto in casa

Lievito madre
Pane a pasta dura

Pane toscano
Pane di Altamura
Pane di Matera
Pane carasau
Pane in cassetta

Fare il pane in casa: video ricetta e consigli ultima modifica: 2009-08-25T10:55:49+00:00 da