Category Archives: Senza categoria

Pizza Ripiena

Nessuno si tirerebbe mai indietro davanti ad uno spicchio di pizza ripiena. Noi italiani, si sa, siamo pazzi per ogni fantasia di pizza. Che sia la piccante diavola, una marinara, la ricca capricciosa o la classica margherita, alla pizza non si dice mai di no.

Ma tra tutte le tipologie di pizza, la pizza ripiena è forse quella che si presta meglio ad una creatività sconfinata. Basta saper preparare l’impasto pizza giusto e scegliere gli ingredienti che si amano di più per creare un piatto unico indimenticabile.

Il segreto di ogni pizza sta principalmente nell’impasto. Proprio per questo, per la preparazione di un impasto ad hoc, ci affidiamo alla professionalità del pizzaiolo Ciro Salvo, che utilizza la farina Petra, una farina macinata a pietra tipo 1 (Molino Quaglia).

Vediamo subito come procedere nella preparazione della pizza ripiena e quali ingredienti utilizza il nostro pizzaiolo partenopeo.

Pizza Mojito

In questo appuntamento con Alice Club vi proponiamo un’accoppiata che forse vi sembrerà insolita. Ma vi assicuriamo che è davvero speciale: pizza e mojito. Un abbinamento che unisce la freschezza di un cocktail intramontabile come il mojito, ad un must della cucina italiana: la pizza.

Come per un ottimo mojito è indispensabile della menta fresca, anche per la pizza un ottimo impasto è fondamentale. L’ospite protagonista di questa puntata è Massimo Giovannini, un pizzaiolo gourmet che ci insegna a preparare un impasto pizza ad hoc.

Per il suo impasto, il nostro pizzaiolo utilizza una farina macinata a pietra di tipo 1, la farina Petra (Molino Quaglia). Una farina forte, ideale per impasti pane e dolci lievitati a media e lunga lievitazione, di pizza in pala alla romana e di pasta fresca.

Ma guardiamo Massimo Giovannini all’opera…

Le dolci sorprese della nonna

La nonna ci riserva sempre tante sorprese…

Lo sa bene anche il nostro chef Daniele Persegani, che in questo appuntamento di Casa Alice ci prepara le sue “dolci sorprese della nonna“, delle piccole palline di impasto soffice ripiene con marmellata di fichi, crema alle nocciole, marmellata di prugne e altri stuzzicanti delizie.
Ma preferiamo non svelarvi nient’altro, altrimenti che sorprese sarebbero?

Ideali per la colazione, il brunch domenicale o da offrire alle amiche durante il tè delle cinque, il segreto delle dolci sorprese è l’impasto, oltre naturalmente ai diversi ripieni. Per la preparazione dell’impasto, infatti, Daniele Persegani utilizza ingredienti sani, genuini e ideali per questa tipologia di ricette, come ad esempio la farina di grano lavato (UNIQUA gialla – tipo 1) di Molino Dallagiovanna, una farina che rispecchia al meglio i sapori genuini di una volta.

Senza perdere altro tempo, vediamo lo chef Persegani all’opera in questa simpatica video ricetta.

 

Ingredienti

  • Farina forte: 600 g
  • Burro: 60 g
  • Lievito di birra: 10 g
  • Arancia: 1 scorza
  • Vaniglia: 1 bacca
  • Zucchero: 80 g
  • Uova: 2
  • Latte: 250 ml

Per il ripieno

  • Marmellata di fichi: 150 g
  • Mandorle tostate a lamelle: 40 g
  • Crema spalmabile alle nocciole: 100 g
  • Marmellata di prugne: 100 g
  • Amaretti: 50 g
  • Cacao amaro: 50 g
  • Rum: q.b.
  • Uova: 1
  • Burro: q.b.

Birròforum 2015: il Festival della Birra Artigianale

Si dà inizio alle danze della birra artigianale! Dal 25 al 28 giugno torna a Roma Birròforum, il Festival della Birra Artigianale e del cibo di strada.

Birròforum è un percorso alla scoperta di tutte le sfumature della birra tra degustazioni, corsi, food show e l’immancabile accostamento con il cibo da strada: dal 25 al 28 giugno a Roma, il Birròforum è pronto a riaprire il suo Villaggio nei giardini del Lungotevere Maresciallo Diaz (Farnesina) per accogliere gli appassionati di una delle bevande più amate dagli italiani.

Protagonisti di questa edizione saranno 37 tra i migliori birrifici nazionali, che con la loro passione e le loro produzioni presenteranno al pubblico tutti i segreti e le virtù della birra. Chef emergenti e non scenderanno in strada per abbinare i loro piatti alle migliori birre artigianali in ‘Birretta da chef‘, un’area che ospiterà quattro giorni di food show dedicati a chi non sa rinunciare al connubio cibo-birra ed è sempre alla scoperta di nuovi sapori. Non mancherà un ricco calendario di incontri giornalieri: ‘Birra: istruzioni per l’uso’, dove gli esperti del settore guideranno gli ospiti un passo alla volta alla scoperta della cultura birraia, tra pratica e teoria. Birròforum accoglierà quest’anno 18 artigiani del cibo da strada provenienti da tutte le parti d’Italia: degustazioni  low  cost,  dove  il  cibo  di  qualità
sarà  alla  portata  di  tutti.
“Birròforum  non  sarà  solo  un  Festival,  ma  molto  di  più:  incontri  tecnici,  degustazioni,
tavole  rotonde  e  laboratori  per  conoscere  da  vicino  la  birra  artigianale  e  i  suoi  abbinamenti
gastronomici”,  aggiunge.  ‘Birretta  da  chef’  propone  quattro  incontri  d’autore  (cene  su
prenotazione):  si  inizia  il  25  giugno  con  una  cena  a  cura  dello  chef  Andrea  Dolciotti  e  il
Birrificio  di  Cagliari,  mentre  il  26  giugno  cena  a  4mani  con  Erio  Ivaldi,  Pietro  Guccione  del
Ristorante  Le  Sorelle  e  le  birre  dell’Eremo.  Il  27  giugno  spazio  allo  chef  Mirko  Ceravolo  in
abbinamento  a  Birrificio  Casa  Veccia  mentre  il  28  giugno  tocca  a  Kotaro  Noda  e  la  Birra
Baladin.  L’area  ‘Birra  e  dintorni,  corsi  e  degustazioni’  si  aprirà,  il  25  giugno,  con
l’appuntamento  ‘Birrificio  Aurelio  e  le  contaminazioni  vinacee’  (ore  21.30),  seguito  alle
22.30  da  ‘Itineris  e  l’uso  delle  erbe  aromatiche’.  Il  26  giugno  sarà  di  scena  ‘Birra  Giulia:  dalla
terra  al  vino  e  della  birra  alla  birra’,  mentre  il  giorno  successivo  doppio  appuntamento:  alle
21.30  ‘Birrificio  Sti  malti,  come  dare  equilibrio  alla  birra’  seguito  da  ‘Birra  del  Borgo  e  le
bizzarre’.  Il  28  giugno,  infine,  spazio  a  ‘Birrificio  degli  Archi,  pepe,  caffè  e  spezie,
l’ingrediente  in  più,  seguito  da  ‘Birrificio  Turbacci:  dal  1995  ad
oggi  evoluzione  tecniche  produttive,  prodotti  e  mercato’.
COLPO  D’OCCHIO  SU  BIRRÒFORUM
Organizzazione:  Vinòforum  Eventi  srl;  date:  25-­‐28  giugno;  biglietto:  8  euro  che
comprende   bicchiere  da  degustazione,  sacchetta  porta  bicchiere;  per  la  birra:  1  gettone  –
1  euro  (0,10cl  ad  1euro  e  0,20cl  a  2euro);  orari:  da  giovedì  a  domenica   dalle  19.00  alle
02.00;   Organizzatore:   Emiliano   De   Venuti;   info:   info@birroforum.it;    web:
www.birroforum.it

Fabio Campoli è lo chef di “Expo è Servito”

Expo è servito è il nuovo programma con il quale Alice intende aprire una finestra su Expo 2015, la grande manifestazione di Milano che si interroga sui temi dell’alimentazione, dello sviluppo sostenibilità ambientale e delle diverse culture del cibo.
Beato fra le donne, in questo caso, è Fabio Campoli, lo chef che è diventato ormai uno dei volti più familiari per il pubblico di Alice.
Accanto a lui in cucina ci sarà Francesca Romana Barberini, mentre a Erica Tuccino e Valeria Ciardiello è affidato il compito di portarci fuori dagli studi di Roma, curando i servizi da Expo e dalle diverse regioni italiane.

Red. Femmine contro maschi: tre a uno. Com’è lavorare circondato da donne?
F.C. Francesca, Valeria ed Erica sono tre donne molto speciali, non solo per la loro allegria e professionalità, ma perché riesco a immaginarle sempre più ogni giorno come compagne di viaggio, con le quali mi diverto a scoprire sempre nuove storie e prodotti, e cercando di ‘conquistarle’ con le mie ricette dedicate all’Expo.

Red.  Parliamo dei temi del programma. Expo 2015 si sono dati appuntamento ben 144 paesi di tutti e 5 i continenti, ognuno dei quali con la propria cultura in fatto di cibo e alimentazione.  Con l’occasione, “Expo è servito” vuole aprire una finestra anche su prodotti “esotici” e forse meno familiari al pubblico italiano. Come troveranno posto nelle sue ricette?
F.C. Gli ingredienti provenienti da aree differenti dalla nostra, cioè quella mediterranea, sono un ottimo stimolo per il mio stile di cucina, attraverso il quale non smetterò di voler trasmettere ricette che, dagli ingredienti alle tecniche di preparazione, considero sempre a cavallo tra passato e futuro. E la scoperta di alimenti nuovi per la propria cultura è sempre un passo in avanti per la propria ‘biblioteca dei sapori’!

Red. A suo parere, gli italiani sono ancora un popolo di tradizionalisti per quanto riguarda il cibo?
F.C. Tendenzialmente direi di si. E sento di poterlo affermare soprattutto grazie ad oramai quasi dieci anni di eventi che organizzo insieme al Circolo dei Buongustai in Italia e all’estero. Nei miei menù mi piace proporre piatti differenti che soddisfino il più possibile i diversi gusti dei commensali. Mi sono accorto così che al tempo stesso mi sono accorto (e continuo ad accorgermi) che gli italiani a tavola sono ben accetti alla prova delle novità, ma pur sempre ancorati alle ricette uniche ed emozionali della nostra tradizione.

Red. Al di là di questa sfida, qual è il suo rapporto con le diverse cucine del mondo?
F.C. Amando viaggiare e avendo avuto l’opportunità di lavorare anche all’estero, ho avuto modo sia di conoscere più a fondo la cultura gastronomica di alcuni luoghi, sia di conoscere persone di diverse nazionalità, che negli anni con i loro racconti culinari hanno inevitabilmente svegliato in me la voglia di innovare talvolta la mia cucina anche in questa direzione. Ad esempio ho condotto sia un programma televisivo che programmi radiofonici raccontando le mie ‘colazioni dal mondo’!

Red. Un ottimo motivo per non perdere l’appuntamento quotidiano con Expo è servito è…..
F.C. Sintonizzarsi quotidianamente con il grande evento dell’anno in compagnia delle nostre inviate, che significherà trascorrere contemporaneamente il vostro tempo tempo insieme a me ai fornelli in compagnia di Francesca, per darvi sempre nuove idee per la vostra cucina.

Expo Milano 2015. Cos’è, quando si svolge, come arrivare

Expo Milano 2015: un evento di importanza mondiale che attirerà nel capoluogo lombardo turisti da ogni parte del globo. Alla vigilia della grande inaugurazione, scopriamo Expo Milano 2015. Cos’è esattamente l’Expo? Quando si svolge? E come si arriva al sito dove si svolge l’Expo?

Clicca qui per scoprirlo

Siete curiosi di conoscere da vicino il padiglione Italia, che sarà il quartier generale della nostra delegazione italiana a  Expo 2015? Cliccate qui.

Expo 2015 – Padiglione Italia

Da Marcopolo arriva una guida speciale interamente dedicata a Milano in occasione di Expo 2015.
Se avete in programma di visitare Milano durante i sei mesi di Expo non lasciatevi sfuggire la guida realizzata da Marcopolo per l’occasione.
È in edicola la guida Diari di Viggio Milano e pensata per essere una utile “compagna di viaggio” per chiunque visiti la città in occasione di Expo 2015.
Si prevede che l’esposizione attirerà a Milano oltre 20 milioni di turisti: scopriamo dunque la città della moda con tutte le novità, i luoghi dove dormire e dove mangiare, la vita notturna, dove fare shopping e tanti approfondimenti.

Sfide a Cubetti – Ricetta vincente categoria CREME E ZUPPE

Questa volta è il nord a vincere. Per Sfide a Cubetti, la gara tra food blogger targata Fratelli Beretta sono infatti i canderli del  Trentino, che la food blogger Fernanda Demuru ha proposto insieme a una crema di verdure con speck a cubetti
Tanti i voti raccolti da questa ricetta sul web  (tramite la app  Fratelli Beretta) e favorevole anche la valutazione della giuria tecnica, che ha apprezzato l’utilizzo dei cubetti di speck non soltanto all’interno dell’impasto dei canederli, ma anche nella crema con cui sono accompagnati: un piatto equilibrato e ben presentato.

Tema della settimana erano questa volta creme e zuppe. I 12 food blogger hanno interpretato il tema nei modi più svariati, servendosi dei diversi prodotti Fratelli Beretta a loro disposizione (pancetta dolce, pancetta affumicata, guanciale, prosciutto crudo, speck, prosciutto cotto, bresaola di tacchino ecc.)

Comunichiamo anche le successive tre posizioni della classifica:

2° classificato Paola Arena con la sua crema di asparagi e speck con cialda al parmigiano
3° classificato Marco Domati e Patrizia Romani con la loro  crema di zucca con passatelli alla reggiana
4° classificato Lucia Zolferino con la sua crema di fagioli con cozze e guanciale

la vincitrice della settimana Fernanda Demuru, autrice del blog Il leccapentole e le sue padelle si aggiudica un premio a scelta dalla lista di prodotti offerti da Whirlpool:

FRIGORIFERO doppia porta WBV36992 NFC IX Absolute Pure 2mt 381 lt cm 200x60x66
FORNO JET CHEF JT 469 SL 33 lt cm 37,7×48,7×54,1
PIANO COTTURA INDUZIONE AMC 814/BA
CONGELATORE VERTICALE WVE22622 NFW – Fjord 253 lt cm 167x60x65
CANTINETTA VINI WW1600 335 lt cm 159×59,6×61,2
LAVASTOVIGLIE FREE STANDING ADP 9060 cm 85×59,7×59,6
LAVASTOVIGLIE BUILT IN ADG 2020 FD 10 programmi 13 coperti

Continuiamo a votare e sostenere i nostri amici food blogger. Ogni settimana un nuovo tema e nuove ricette aspettano infatti i 12 sfidanti. Chi si aggiudicherà la prossima sfida che ha per tema “finger food”?

Aspettando il Natale…

Natale… Luci di candele, musiche allegre, palline colorate e addobbi di tutti i tipi..

per non parlare di panettoni, pandori, arrosti ripieni, tortellini e antipasti raffinati.

Il Natale è tutto questo, ma anche di più, il Natale ha il sapore in cucina di tutti noi italiani, della tradizione, anche di un momento di ricerca di una spiritualità più distratta, forse, in altri periodi dell’anno, per qualcuno o per molti, non spetta a noi dirlo.

Sotto l’albero di Alice..

Ecco cosa portare in tavola per vivere questa festa!Vini spumeggianti, brindisi ricorrenti, feste in casa, per strada, a scuola, al lavoro, amici, parenti, regali e gioia

In una parola: NATALE

Eccolo qui, il giorno più festoso dell’anno, che Alice desidera farvi respirare..

perchè vogliamo arrivare preparati alla festa più festa che c’è!

Anche quest’anno il ricettario di Alice ne offre per tutti i gusti e tutti i palati: menù di pesce per la vigilia, menù di carne per il pranzo del giorno di Natale (anche in versione low cost)e poi il cenone di Capodanno..

tutti menù appositamente elaborati dalla originale fantasia dei nostri impeccabili chef, sempre fedeli alla tradizione delle festività natalizie.

Uno speciale tutto pensato per il Natale dei bimbi, tutti i menù e le decorazioni natalizie per divertire le nostre piccole pesti e per finire un Natale tutto da bere, con tante idee di cocktail natalizi per accompagnare i piatti del grande giorno

E poi

Gli utilissimi suggerimenti dell’esperta  Csaba Dalla Zorza su come apparecchiare e decorare con gusto e semplicità la nostra tavola in festa!

Il Natale made in Italy

Gli italiani a tavola, come sappiamo, sono dei buongustai e non badano a spese quando si tratta di placare la fame o festeggiare con amici e parenti ricorrenze importanti come quella del Natale o del capodanno.

Ad ogni città il suo Natale

Signore e Signori è Natale! Per conoscere le tradizioni in tavola di tutta Italia

Perchè ogni regione ha la sue ricette tipiche, come questo piatto che viene dal nostro meraviglioso Sud, orecchiette broccoli e baccalà

Ma ci sono tantissime altre ricette tradizionali, tutte da scoprire e provare

Il Natale regione per regione… vi accompagna tra i sapori locali, veri e genuini!

Un tuffo nel passato…Molti anni fa soprattutto nel Nord Italia la cena della Vigilia addirittura non esisteva; le famiglie praticavano un rigoroso digiuno interrotto soltanto la mattina del 25 con una tazza di brodo

E per chi avesse nostaglia ma non sa come fare il brodo, Alice ha tantissime ricette su come realizzare piatti a base di brodo..

E ripetiamo che si tratta solo di anticipazioni, perché nei prossimi approfondimenti vi diamo il meglio di tutte le tipicità gastronomiche natalizie..

Al Sud invece, sempre in tempi remoti, era la cena della Vigilia ad essere più ricca e succulenta

Si mangiava rigorosamente di magro, iniziando con minestre di verdura o di legumi, proseguendo poi con pesce di mare, di fiume o di lago, variabili in qualità a seconda delle zone: tipiche portate natalizie, l‘anguilla e il capitone.Oggi ci si trova immersi in un contesto in cui si può scegliere di tutto e di più, come quando e dove festeggiare ed in più, abbiamo a disposizione mille idee per rendere il nostro menu di Natale unico ed imprescindibile da altri, preparare una tavola sfiziosa..

tutto questo si può organizzare in anticipo con i preziosi consigli di Alice. 

 

 

Protetto: live streaming studio

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Il sorbetto alle nocciole e caffè

Il sorbetto alle nocciole e caffè

Ecco un sorbetto che potete mangiare in ogni momento della giornata, ma che sicuramente è ottimo come colazione da godere nel fine settimana o come dissetante fine pasto in estate. 

Ingredienti per il sorbetto alle nocciole e caffè

700 g di sciroppo400 g di nocciole6 tazzine di caffè concentrato1 bicchierino di crema al whisky1 albume semi-montato

Come preparare il sorbetto alle nocciole e caffè

1. Preparate lo sciroppo base sciogliendo in una pentola a fuoco basso lo zucchero con l’acqua

Mescolate e una volta sciolto lo zucchero mettete da parte e fate raffreddare.

 2.  In un contenitore mescolate lo sciroppo con il caffé e la crema al whisky

Unite le nocciole tostate e tritate e l’albume semi-montato

Versate il tutto in gelatiera e proseguite come di consueto.

Abbiamo parlato di sorbetti, dandovi ottimi spunti per prepararne di diversi a seconda di gusti e preferenze.