Category Archives: Birra

Birròforum 2015: il Festival della Birra Artigianale

Si dà inizio alle danze della birra artigianale! Dal 25 al 28 giugno torna a Roma Birròforum, il Festival della Birra Artigianale e del cibo di strada.

Birròforum è un percorso alla scoperta di tutte le sfumature della birra tra degustazioni, corsi, food show e l’immancabile accostamento con il cibo da strada: dal 25 al 28 giugno a Roma, il Birròforum è pronto a riaprire il suo Villaggio nei giardini del Lungotevere Maresciallo Diaz (Farnesina) per accogliere gli appassionati di una delle bevande più amate dagli italiani.

Protagonisti di questa edizione saranno 37 tra i migliori birrifici nazionali, che con la loro passione e le loro produzioni presenteranno al pubblico tutti i segreti e le virtù della birra. Chef emergenti e non scenderanno in strada per abbinare i loro piatti alle migliori birre artigianali in Birretta da chef, un’area che ospiterà quattro giorni di food show dedicati a chi non sa rinunciare al connubio cibo-birra ed è sempre alla scoperta di nuovi sapori.

Non mancherà un ricco calendario di incontri giornalieri: Birra: istruzioni per l’uso, dove gli esperti del settore guideranno gli ospiti un passo alla volta alla scoperta della cultura birraia, tra pratica e teoria. Birròforum accoglierà quest’anno 18 artigiani del cibo da strada provenienti da tutte le parti d’Italia: degustazioni low cost, dove il cibo di qualità sarà alla portata di tutti.

Birròforum non sarà solo un Festival, ma molto di più: incontri tecnici, degustazioni, tavole rotonde e laboratori per conoscere da vicino la birra artigianale e i suoi abbinamenti gastronomici. Birretta  da  chef propone quattro incontri d’autore (cene su prenotazione): si inizia il 25 giugno con una cena a cura dello chef Andrea Dolciotti e il Birrificio di Cagliari, mentre il 26 giugno cena a 4mani con Erio Ivaldi, Pietro Guccione del Ristorante Le Sorelle e le birre dell’Eremo.

Il 27 giugno spazio allo chef Mirko Ceravolo in abbinamento a Birrificio Casa Veccia; mentre il 28 giugno tocca a Kotaro Noda e la Birra Baladin. L’area Birra e dintorni, corsi e degustazioni si aprirà, il 25 giugno, con l’appuntamento ‘Birrificio Aurelio e le contaminazioni vinacee’ (ore 21.30), seguito alle 22.30 da ‘Itineris e l’uso delle erbe aromatiche’.

Il 26 giugno sarà di scena ‘Birra Giulia: dalla terra al vino e della birra alla birra‘, mentre il giorno successivo doppio appuntamento: alle 21.30 ‘Birrificio Sti malti, come dare equilibrio alla birra’ seguito da ‘Birra del Borgo e le bizzarre’. Il 28 giugno, infine, spazio a ‘Birrificio degli Archi, pepe, caffè e spezie, l’ingrediente in più, seguito da ‘Birrificio Turbacci: dal 1995 ad oggi evoluzione tecniche produttive, prodotti e mercato’.

Per maggiori informazioni e stare al passo con gli eventi, consultate il sito di Birròforum.

St. Stefanus, la birra dai tre lieviti

Ho avuto il piacere di conoscere il mastro Jef Versele, eccellente sia come birraio sia come affabulatore, capace di raccontare le sue birre tanto da incuriosire anche i più ostinati astemi.

L’occasione è stata una degustazione delle birre St. Stefanus, di cui Jef è ultimo artefice. Il birrificio della famiglia Van Steenberge è l’unico birrificio rimasto nella regione delle Fiandre Orientali, alle porte della città di Gand, attivo da più di settecento anni. La ricetta originale fu prima prodotta dai monaci del monastero Sint Stefanu, poi passata alla famiglia di birrai Van Steenberge.

La particolarità di questa birra sta nell’utilizzo di tre diversi lieviti e dell’alta fermentazione e in seguito ricondizionata in bottiglia. La birra esce dalle cantine del birrificio dopo una maturazione che va dai tre mesi ai diciotto, con la più giovane sul palato arriva prima il tocco dolce del caramello, per finire poi con il sapore deciso ed aspro del luppolo. In quella di diciotto mesi il sapore è più complesso: una birra da “meditazione”.

La degustazione ha ottenuto risultati eccellenti tutti i presenti sono rimasti entusiasti sia della birra sia di aver avuto l’opportunità di conoscere Jef.

Marco Rossetti

Buon compleanno Pilsner Urquell

Il 2012 è un anno importante per Pilsner Urquell: la storica birra ceca festeggia il 170° anniversario dalla produzione prima birra chiara, avvenuta ad opera del mastro birraio bavarese Josef Groll, il 5 ottobre 1842 a Pilsen, a circa 100 km da Praga.
Una storia lunga quasi due secoli, nel corso dei quali però, al di là delle tecniche di produzione che il progresso tecnologico ha reso più moderne e al passo ocn i tempi, in realtà poco è cambiato nel mondo di questo storico marchio.
Centro dei festeggiamenti è stato, nel mese di ottobre, la cittadina di Pilsen. Nel luogo nel quale ha sede ancora oggi l’unico stabilimento dove viene prodotta l’autentica Pilsner Urquell, si è degnamente reso onore a questa vecchia regina, ancora saldamente assisa sul suo trono.
Anche in Italia, questo importante anniversario è stato festeggiato a partire da settembre con iniziative speciali in oltre 160 punti vendita, nei quali è stato possibile trovare una bottiglia celebrativa realizzata per l’occasione, la Limited Edition 170.
L’avvicinarsi della data fatidica del compleanno è stato poi scandito dagli appuntamenti con le selezioni del concorso International Master Bartender, che vede l’incoronazione del miglior bartender al mondo, giudicato sia per la sua tecnica di spillatura che per la conoscenza profonda del brand e del prodotto.

Tra le altre iniziative delle quali Pilsner Urquell si è resa protagonista in questo anno speciale, la partnership con una delle associazioni più prestigiose del settore enogastronomico d’accellenza, i Jeunes Restaurateurs d’Europe, il network di giovani chef e proprietari di ristoranti alfieri della ristorazione d’eccellenza e dell’alta gastronomia.
Nel corso della passata estate si è svolto il Giro d’Italia con Pilsner Urquell: più di 20 gli chef hanno proposto, per un’intera settimana, Pilsner Urquell in abbinamento ad un loro piatto, studiato apposta per l’occasione.

Cucinare con la birra: piatti e ricette

Cucinare con la birra: si può! Conosciamo il valore della birra come bevanda di accompagnamento dei cibi, soprattutto della pizza. Ma la birra può essere anche un valido ingrediente di cucina con il quale preparare ottimi piatti succulenti e prelibati.

È soprattuto la cucina nordeuropea a dare i natali alle ricette tipiche a base di birra. Ne conosciamo diverse che impreziosiscono il sapore con questa bevanda. Possiamo però con creatività (che in cucina non guasta mai), dare sfogo alla nostra abilità o sperimentazione e cucinare con la birra dai primi ai secondi piatti fino ai desserts.

Qui di seguito trovate qualche idea interessante su come utilizzare la birra in cucina.

Ricette con la birra

Carrè di lombo di maiale affumicato alla birra scura
brasato alla birra
Coda alle cipolle e birra
Gamberi al vapore con maionese alla birra e crudite’ di verdure
Pollo alla birra e curry
risotto alla birra
Stinco di maiale alla birra
Anatra alla birra
Entrecotes alla birra con crema di peperone giallo.

Birra: le proprietà del luppolo

Il luppolo nella birra

Che cosa è il luppolo e come interagisce con il nostro organismo? Conosciuto essenzialmente come componente della birra, è un ingrediente amaro ed aromatico, che si usa come conservante della birra.
Il luppolo conferisce il classico gusto amaro della birra, oltre all’aroma e oltre a svolgere una funzione conservante. Esistono diverse qualità di luppolo a seconda dello stile di birra che si vuole ottenere. Il luppolo agisce anche come conservante naturale della birra in quanto possiede proprietà antibatteriche. A molte birre inoltre veniva aggiuto il luppolo per migliorarne la conservazione.

Le proprietà benefiche del luppolo

Il luppolo possiede proprietà toniche, nervine e digestive. Per uso interno il suo infuso aiuta a combattere l’insonnia, i dolori mestruali e ad alleviare i disturbi premestruali e della menopausa. Per via esterna è utile in preparati per pelli rugose e per le infiammazioni cutanee.

Sull’argomento vedi anche A tutta birra

La birra: segreti e caratteristiche della bionda preferita dagli italiani

La birra: una bevanda molto antica che ci porta indietro fin ai tempi dell’antico Egitto quando la birra era diversa perché a fermentazione naturale.
Ma andiamo per gradi… intanto cerchiamo di conoscere qualche informazione di base della birra, ad esempio gli ingredienti per fare la birra… Gli ingredienti principali della birra sono: acqua, malto, luppolo e lievito.
Il cereale utilizzato nella preparazione della birra è l’orzo, anche se esistono birre al frumento, di segale, di riso e di mais.

Le proprietà della birra

Oltre ad essere una bevanda alcolica, la birra ha proprietà nutritive particolari per le quali le è stato riconosciuto l’appellativo di “pane liquido”. La composizione della birra: nella birra sono presenti vitamine, sali minerali e potassio. Inoltre la birra è composta da acqua, anidride carbonica, zuccheri, destrine, albuminoidi, sostanze provenienti dal luppolo e glicerina.
La birra artigianale è quella più benefica per l’organismo perché l’assenza di pastorizzazione consente di mantenere intatte le proprietà organolettiche di questa bevanda. La birra migliore è quella a più alto contenuto di luppolo, quindi dal sapore più amaro e con la caratteristica schiuma.

La birra artigianale

Negli ultimi tempi è cresciuto l’interesse anche in Italia la tendenza di farsi la birra in casa, artigianalmente. Accanto a questa moda, sono aumentate anche attività commerciali che producono birra non pastorizzata.

Che cosa è la pastorizzazione?

La pastorizzazione è un processo di conservazione che consiste nel portare, solitamente tramite vapore, le bottiglie di birra ad una temperatura di 60° circa per mezz’ora. La fermentazione distrugge i microorganismi presenti nella birra, evitando così spiacevoli trasformazioni del prodotto dopo un certo periodo di tempo.

Il consumo della birra

Statistiche e sondaggi hanno recentemente rivelato che il consumo della birra nel nostro Paese cresce di continuo. Il motivo sembra risiedere nel fatto che la birra è genuina, in linea con i principi della dieta mediterranea, non eccessivamente alcolica, e adeguata ai pasti. Una recente indagine commissionata dall’associazione Assobirra ha rivelato che il consumo di birra ha superato quello del vino, titolandola come la bevanda adatta ad ogni tipo di pasto e anche in linea con uno stile alimentare sano, perché no! Ricordate la moderazione…

I segreti della birra

Volete sapere come si spilla una birra? Volete imparare i segreti della degustazione? Approfondire il rapporto tra birra e dieta mediterranea? Curiosi di sapere come si fa la birra? Il modo corretto di servirla? Quali i bicchieri adatti ai diversi tipi di birra? A tutte queste domande rispondiamo con i nostri approfondimenti sulla birra e il mondo di questa bevanda…